Home / BLOG / FIANO. Alessandra Grubich nuova presidente della Pro Loco
alessandra grubich è la nuova presidente della Pro Loco di Fiano

FIANO. Alessandra Grubich nuova presidente della Pro Loco

Alessandra Grubich, 30 anni, proprietaria di un negozio di abbigliamento donna e accessori, è la nuova presidente della Pro Loco di Fiano.

Sostituisce Roberta Torreggiani alla guida del sodalizio.

L’ufficialità è arrivata l’8 gennaio, con l’elezione del nuovo direttivo formato da Grubich, dalla vice presidente Debora Viesti, dal segretario Emanuela Longo, dal tesoriere Gianluca Giuliano e dai consiglieri Marta Soffietti, Wendy Persichella e Marco Dughera. Nel 2017 il sodalizio ha avuto circa 180 tesserati.

Grubich, qual è l’obiettivo della Pro Loco?

Organizzare il maggior numero di manifestazioni possibile accontentando tutti, dai bambini agli anziani, e collaborando con i compaesani, soprattutto cercando di risvegliare un po’ il senso di appartenenza a questa comunità. Da questo punto di vista ci stiamo muovendo, ad esempio, coinvolgendo i 6 borghi. Una volta la tradizione del Palio era forte, purtroppo negli anni si è persa, allora abbiamo deciso di provare a riaccenderla. Nelle prossime manifestazioni, infatti, li coinvolgeremo. Per noi più gente c’è meglio è. Non è mai facile ottenere risultati, ma ci proviamo”.

Cosa comporta avere un direttivo così declinato al femminile?

Io adoro lavorare con le donne, forse perché lo faccio da sempre vista la mia professione. Credo che le donne siano nettamente avanti, soprattutto per quanto riguarda le idee e l’organizzazione. Mentre gli uomini magari sono più utili per altri aspetti, ad esempio i lavori pesanti. Comunque andiamo tutti d’accordo, abbiamo più o meno tutti le stesse idee e sappiamo sempre arrivare ad un compromesso. Forse perché siamo un gruppo di amici, che da anni passa il tempo libero insieme, che si è messo in gioco per provare a fare qualcosa.

Quali attività portate avanti durante l’anno?

A marzo organizzeremo un banchetto per il tesseramento ufficiale, una giornata in piazza con pane, salame, vino, nutella. Tra aprile e maggio ci sarà la “Fiano Run”, evento che abbiamo lanciato ormai due anni fa, una camminata/corsa non competitiva a scopo benefico per passare del tempo tutti insieme e fare sport. A maggio ci sarà il tradizionale mercatino che ha preso il nome di “Fiano ci cova”, e possiamo anticipare che quest’anno ci saranno grandi novità. Per luglio poi abbiamo in mente di organizzare alcune serate musicali e una festa, ma per ora non ci sbilanciamo. Infine l’ultimo weekend di settembre comincerà la festa patronale, che durerà una decina di giorni.

Come fare per prendere parte alla Pro Loco?

Per collaborare con noi basta chiamarci, chiedere di noi, passare da me in negozio, scriverci sulla pagina Facebook, mandarci una mail. Chi vuole venire a darci una mano è il benvenuto, speriamo che le belle manifestazioni possano aiutarci ad avvicinare i fianesi.

Quanto è importante la Pro Loco per il paese?

Tantissimo. Tutte le manifestazioni passano da noi. Il Comune senza di noi non potrebbe fare certe cose, e viceversa ovviamente. A Fiano a giugno 2016 è stato eletto sindaco Luca Casale, anche lui ha un gruppo di persone giovani e piene di voglia di fare, perciò riusciamo a collaborare alla grande. Ci confrontiamo spesso con le Pro Loco di altri paesi e vediamo che non sempre i rapporti sono buoni, anzi a volte ci sono conflitti e poca collaborazione. Noi invece ci muoviamo insieme ed è la nostra carta vincente.

Collaborate anche con altre associazioni?

Certo, per ogni evento e manifestazione chiediamo una mano alle altre realtà associative del paese. Ad esempio per la Fiano Run e la patronale collaboriamo con la Croce Rossa, ma anche con Il Grifo. C’è collaborazione anche con la Filarmonica Fianese, che organizza sempre belle cose e fa ottima musica. E non dimentichiamo il gruppo alpini per la polentata durante la festa patronale. Insomma, siamo aperti a collaborare con tutti.

Come vi immaginate il futuro dell’associazione?

“Negli ultimi tempi siamo stati un po’ più fermi, perché l’ex presidente ha avuto un bambino e purtroppo non poteva essere così presente. Adesso, con il nuovo direttivo, stiamo ripartendo. Vedo davanti a noi un futuro molto positivo”.

Commenti

Blogger: Manuel Giacometto

Manuel Giacometto
La sfumatura

Leggi anche

Gratitudine!

Gratitudine! Oggi 21 settembre è la giornata mondiale della gratitudine, istituita nel 1965 quando alla …

IVREA. Battegazzorre: “Ecco la biblioteca che vorrebbe Adriano Olivetti”

Da quando nel giugno scorso l’avvocato Franca Vallino ha sbattuto la porta e s’è  dimessa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *