Home / Torino e Provincia / Favria / FAVRIA. Padre e figlio derubavano negozi, arrestati

FAVRIA. Padre e figlio derubavano negozi, arrestati

I carabinieri di Rivarolo hanno arrestato padre e figlio, Giovanni e Davide Leandro, 50 e 22 anni, residenti a Favria ritenuti responsabili di furti in serie a negozi. Un altro complice è stato denunciato a piede libero I carabinieri hanno scoperto che la coppia con il terzo complice, il cui ruolo è marginale, ha derubato 11 negozi di Rivarolo, nel periodo maggio – dicembre 2018.

Padre e figlio hanno derubato:

  • 28 maggio, Rivarolo Canavese: centro commerciale “urban center” – centro estetico “le chocolat s.r.l.” si sono impossessati di 1.560 euro e dal negozio di calzature Bata,  hanno rubato 10.000 euro;
  • 9 maggio, Rivarolo canavese: furto di 459 euro,  negozio “evos parrucchieri;
  • 25 maggio, Rivarolo canavese: centro commerciale “urban center”;
  • 30 ottobre, Rivara (to): furto di 550 euro e tabacchi per  2.500 euro in danno negozio di tabacchi;
  • 14 novembre, Valperga (to): tentato furto danni scuola di formazione professionale “Ciac”;
  • 15 novembre, Front (to): furto di 150 litri di gasolio;
  • 1 dicembre, Rivara: furto di  110 euro in una ditta;
  • 16 novembre, Banchette (to): tentato furto danni negozio calzature “Pittarosso”;
  • 26 novembre, Grugliasco (to), Le Gru, tentato furto danni negozio “scarpe & scarpe;
  • 1 dicembre, Valperga (to):  via Busano, località Rolandi, tentato furto distributore carburanti “centro calor”;
  • 1 dicembre, Busano (to): furto danni ditta “siderforge rossi group s.r.l.” .

Il padre è in carcere mentre il figlio è stato collocato ai domiciliari.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. Presunta violenza al Castellazzo: le indagini continuano

• A un mese esatto dalla presunta violenza sessuale commessa all’interno del centro sociale Castellazzo, …

IVREA. Se glielo ha detto Lavarini….! Ecco perchè La Serra è “fuori”

Per decenni con quei suoi contorni di una macchina da scrivere è stato il simbolo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *