Home / Torino e Provincia / Colleretto Castelnuovo / Fast&Furiors sulle strade dell’eporediese. Multati rallisti abusivi

Fast&Furiors sulle strade dell’eporediese. Multati rallisti abusivi

Fast and Furiors sulle strade, o meglio, nei boschi dell’eporediese. Nei giorni scorso la Guardia Forestale ha multato una cinquantina di appassionati di rally comminando sanzioni per circa 7mila euro. Dalle indagini svolte è infatti emerso che le gare si svolgevano in modo abusivo in zone boschive ed agricole dov’è vietato, per legge, l’utilizzo di fuoristrada. L’attività delle Guardie Forestali è iniziata in seguito a numerose segnalazioni da parte degli abitanti, che lamentavano rumori molesti e disagi nell’area tra Ivrea, Pavone e la ex Pedanea ma anche di coltivatori che pativano danni presso i loro campi e allevatori. Attraverso controlli a tappeto sui siti Internet e numerosi appostamenti gli agenti delle stazioni di Chivasso, Settimo Vittone e Vico Canavese sono riusciti a risalire ad un appuntamento, fissato due venerdì fa dagli amatori del rally nei boschi di Colleretto Giacosa, in località Ribes. Hanno quindi colto i trasgressori in flagrante. Gli organizzatori, tra l’altro, aveva comunicato alle autorità competenti che la manifestazione si sarebbe svolta quel giorno, classificandola però come un raduno mentre, di fatto, si è rivelata una vera e propria gara abusiva. Insomma, sulla carta sembrava tutto in regola, con tanto di trasmissione fasulla di orari e strade. Invece gli agenti hanno scoperto percorsi tracciati fuoristrada non autorizzati. Per questo è stata comminata al responabile un’ulteriore ingente sanzione.

 

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORRAZZA. Dopo l’incidente in via Mazzini si apre la questione sicurezza

“Mi dispiace molto, sono fatti incresciosi che non dovrebbero mai accadere, ma respingo qualsiasi polemica …

RONDISSONE. Don Gino ha paura: “Temo la caduta di altri calcinacci!”

“Ho paura. Ogni domenica e ogni volta che celebro la Messa in chiesa parrocchiale, sento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *