Home / BLOG / ETTORE PERRONE
perrone
perrone

ETTORE PERRONE

Scendendo diagonalmente da Piazza Ferruccio Nazionale (Piazza di Città)
verso la Dora, percorrendo Corso Cavour (Corso è una parola grossa), poco
dopo essere giunti a fiancheggiare il fiume, si troverà sulla destra una
piccola piazza, nel cui mezzo è presente il monumento a Ettore Perrone.

Tale scultura è costituita da un ampio basamento in pietra, sul quale poggia un
fiero leone dormiente, o meglio ferito, e un supporto in marmo che sostiene il
busto bronzeo dell’eroe dei due mondi locali ottocenteschi, la Francia
Napoleonica prima, e il Regno di Sardegna alla guida della riunificazione
d’Italia (pressappoco) poi.

Tale monumento, restaurato con una certa cura in tempi recenti, fu realizzato
dallo scultore torinese Gabriele Ambrosio, di buona tecnica, ma senza grande
ispirazione artistica.
Però il leone era fatto talmente bene che una tale Georgia Popolo gli mise un
po’ paglia intorno e gli fece fare il bambinello in un presepe vivente.

Adesso voi direte: grazie al cazzo, ci parli di un monumento che non sa di una
sega? Beh, non vi interessa sapere chi fosse Ettore Perrone?

A prescindere dal vostro interesse, ora ve ne parlo:
costui nacque il 12 gennaio 1789 (insomma, alla Presa della Bastiglia
gattonava…) a San Martino, da una famiglia nobile particolarmente autorevole.

Ma Ettore dell’autorevolezza se ne infischiava, e a soli sedici anni si arruolò
nell’esercito napoleonico. Da allora partecipò a tutte le Campagne de
l’Empereur, fu ferito svariate volte, fece la Campagna di Russia con le
stampelle. Insomma, Enrico Toti gli spicciava casa.
Seguì Napoleone anche nei Cento Giorni (pare tenesse il conto), e si fece
naturalizzare francese dopo la caduta definitiva.
Nel 1819 tornò in Piemonte dandosi all’agricoltura. Ce lo vedete, vero?

Nel 1821 iniziò l’attività risorgimentale, venne condannato a morte e dovette
riparare di nuovo in Francia. Al suo posto impiccarono quindi una sagoma, non
sappiamo quanto somigliante.

In Francia ovviamente non mancò di combattere, partecipando alla Rivoluzione
del 1830 e difendendo la Monarchia Costituzionale fino al 1832. Nel 1848 mancò
di partecipare all’Assemblea Costituente per un soffio, e quindi tornò in
Italia giusto in tempo per poter combattere la Prima Guerra di Indipendenza.
Come hobby si fece anche eleggere parlamentare.

Dopo la sconfitta decise di fare un paio di toccate e fughe come Ministro
degli Esteri e Presidente del Consiglio, roba che neanche i governi balneari
della DC. Poi cadde in disgrazia politica perché parlava francese (come il
futuro Presidente del Consiglio Camillo Cavour).

Nel 1849 partecipò al tragico epilogo della Prima Guerra di Indipendenza nella
battaglia di Novara, dove trovò eroicamente la morte.

Insomma, un vero personaggio romantico ottocentesco, un eroe del nostro
territorio. Personaggi simili ne nascono davvero pochi. Il caso più recente
risulta essere tale GiGno Vinia, un prode totalmente dedito alla causa di colui
che riteneva essere la reincarnazione de l’Empereur, tale Matteo Salvini.
Costui cose in comune col Corso ne aveva, anche se aveva maggiore altezza e
soprattutto maggiore trippa, e sicuramente non soffriva di mal di stomaco, come
dimostravano i suoi selfie a base di piattate di ogni ben di Dio o schifezze
da street food di quart’ordine.

Questo nuovo eroe locale non morì in battaglia, ma rischiò la vita con sei
scodelle di fagioli grassi durante il Carnevale 201*.

A Ettore Perrone sarebbe da fargli un monumento, se non ci fosse già.

Commenti

Blogger: Franco Kappa

Franco Kappa
Ivrea di palo in frasca

Leggi anche

Prandona

Prandona A volte i toponimi hanno origini dai proprietari o dai frequentatori di quel luogo. …

IVREA. Zac! e Movicentro: i tempi si allungano

Ci sa tanto che sarà ancora molto lunga, impervia e tempestosa la strada per regolarizzare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *