Home / BLOG / DRUENTO. Polemica sul murales del cimitero

DRUENTO. Polemica sul murales del cimitero

Il murales fuori dal cimitero di Druento fa già discutere. Inaugurato da poche settimane, e costato la bellezza di quasi 10mila euro, sta lasciando parecchio perplessa la consigliera del gruppo misto Francesca Morucchio.

Di cosa si tratta? Di un bellissimo dipinto raffigurante le diverse chiese cittadine, veri e propri simboli della comunità druentina: Santissima Trinità, San Sebastiano, Santa Maria della Stella, San Michele.

Nel corso dell’ultimo Consiglio comunale, infatti, la Morucchio ha posto perplessità sulla location scelta per la sua realizzazione. Ovvero il muro perimetrale a destra, più vicino alla zona industriale e alla provinciale 8 che porta a San Gillio.

Premesso che spendere 10mila euro per un’opera artistica di questo genere lo reputo veramente esoso – commenta la Morucchio -. Lungi da me criticare la bellezza dell’opera stessa, per altro piacevole. E’ però posizionata nella zona di espansione del cimitero stesso. E non lo dico io. C’è tanto di progetto già pronto, anche se ad oggi è fermo in un cassetto”.

Opera che era già stata proposta durante la precedente giunta comunale, quella guidata dal sindaco Sergio Bussone, e che però era stata messa in un cassetto, perché ritenuta non necessaria. Specie vista la spesa che si sarebbe dovuta sostenere.

Invece, nell’arco di poche settimane dall’insediamento, ecco che la giunta Vietti ha deliberato la spesa, dando la possibilità di realizzarla. Ora non resta che aspettare e capire se questo ampliamento si farà o meno. E se si dovesse fare, quei soldi sarebbero stati mal spesi. E’ un dato insindacabile.

Commenti

Blogger: Claudio Martinelli

Claudio Martinelli
Giornalismo "reale"

Leggi anche

CHIVASSO. Nemo, per essere il cambiamento che vuoi vedere nel mondo

“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. È la celebre citazione di Mahatma Gandhi, …

A ven Gilind, la divota cumedia.

A ven Gilind, la divota cumedia. Ovvero l’Avvento del Natale nella tradizione piemontese. Vi voglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *