Home / Attualità / Da lunedì 8 marzo in Piemonte DAD al 100% per le seconde/terze medie e superiori
DAD (foto d'archivio)

Da lunedì 8 marzo in Piemonte DAD al 100% per le seconde/terze medie e superiori

La variante inglese corre, in Piemonte, e da lunedì 8 marzo l’attività didattica di seconde e terze medie e delle scuole superiori si svolgerà in dad al 100%, per 15 giorni. Venerdì, alla luce dei dati degli oltre trenta distretti sanitari del Piemonte, la Regione estenderà la didattica a distanza anche per gli ordini e gradi scolastici inferiori nelle aree dove l’incidenza dei contagi supera la soglia di allerta dei 250 casi ogni 100 mila abitanti o sono presenti altri parametri del nuovo Dpcm. ovvero la presenza certificata di casi da variante con azioni restrittive già attuate, e l’incremento improvviso di contagi nell’ultima settimana.

“La variante inglese – sottolinea il governatore Alberto Cirio – è più veloce e quindi ti chiede di anticipare di più le misure che avresti adottato con un’altra tempistica parlando di Covid ‘tradizionale’. Ho chiesto un monitoraggio quotidiano e ogni due giorni facciamo il punto, pronti a intervenire. Le spie dell’allarme non si sono ancora accese, ma le cose peggiorano quotidianamente”.

“Osservate speciali”, spiega Cirio con l’assessore all’Istruzione Elena Chiorino, “le aree del Torinese, Cuneese, Vercellese e Vco. Cercheremo di salvaguardare il più possibile la didattica in presenza nella fascia dagli 0 ai 6 anni, per gli studenti disabili e i laboratori. Sappiamo quanto sia difficile per le famiglie e lo sforzo che devono affrontare tutti i genitori. Abbiamo ricevuto garanzie dal Governo sull’attivazione immediata dei congedi parentali e dei bonus baby sitter”.

Intanto alle 19 di questa sera è scattato il lockdown almeno fino al 12 marzo per 12 comuni della Valle Po e dell’Infernotto, nella provincia di Cuneo a ridosso del torinese, ma soprattutto di Cavour, dove la zona rossa è in vigore da sabato scorso a causa della presenza della variante inglese del virus. Stessa sorte, nel Torinese, per le vicine Bricherasio e Scalenghe. L’aumento dei ricoveri, intanto, frena: in terapia intensiva ci sono 181 persone, una in più di ieri, negli altri reparti 2.140 pazienti, uno in più di ieri. Nelle ultime 24 ore si registrano 1.537 nuovi casi di persone positive al Covid-19, pari al 7,3% dei 21.062 tamponi eseguiti, e 16 decessi. Le persone vaccinate oggi sono 10.280, tra cui 6.358 ultraottantenni. A 734 è stata somministrata la seconda dose. Dall’inizio della campagna sono state somministrate 426.451 dosi, delle quali 140.470 come richiami, corrispondenti all’80 % delle 532.950 dosi finora disponibili per il Piemonte.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

SETTIMO. Progetto “Con-Tatto”, partenza rinviata per la camminata verso l’incontro con il Papa

Finalmente tra poco si parte. La data fissata per la partenza del gruppo Con-tatto è …

SETTIMO. Dal mattino a sorvegliare i parchi: le festività pasquali dei volontari

In piedi, fin dalle 8,30 del mattino, davanti ai parchi per “consigliare” ai settimesi di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *