Home / BLOG / Da grignal o grugnal a ingrugnire.

Da grignal o grugnal a ingrugnire.

Da grignal o grugnal a ingrugnire.
Nella mia passeggiata della domenica mattina ho incontrato l’amico Melampo. Nome di fantasia, che ha fatto ironia sulla maschera che tutti indossiamo dicendo che una volta la mettevano solo ai vitelli nella stalla, una mascherina di vimini detta grugnal o grignal! La parola grignal, oggetto costruito con vimini intrecciati veniva messo sul muso del vitello, una sorta di museruola messa agli animali per regolare la crescita evitando una eccessiva alimentazione nella giovane età. La parola deriva dal francese grigner, fare una smorfia, cioè atteggiamento del viso al riso e deriva a sua volta da una parola di origine tedesca grìnan, storcere la bocca, da li le parole piemontesi grignè, ridere sguaiatamente o sorridere con gusto, angrignura, ringhio, angrignesse, farsi delle beffe. Anche in italiano la parola grugno si usa per chi assume una espressione immusonita, diciamo ingrugnito e poi il muso lo porta per lungo tempo diciamo che è un grugnone e non per questo ci permettiamo di sgrugnare, rompere il grugno mettendo le mani addosso al certe persone che camminano per strada guardando sempre il cellulare possono prendersi una sgrugnata se inciampano e battono il viso per terra forse perché nel frattempo stavo grifando avidamente dei messaggi mentre camminavo, un poco come si dice dei maiali che trangugiano avidamente il cibo ficcando il gruno nel trogolo del cibo. Interessante la parola trogolo di derivazione longobarda troc o trog che corrisponde alto tedesco medievale: trogel, trugel. Una curiosità il lemma grifo dal tardo latino grypus, nasone, indica il muso del maiale, cinghiale, ma anche di certe persone che brontalono sempre, che sarebbe meglio chiamarle grognard che deriva dal francese grogner, brontolare, i veterani delle guerre napoleoniche venivano chiamati in maniera scherzosa “vieux grognards, vecchi brontoloni”. Dopo aver letto il tutto penso che forse vi prende l’argrigna, corrugate la fronte, l’importante è che non iniziate ad argrignè, digrignate i denti, o iniziate ad argrinì, ringhiate ed iniziate ad emettere con modi argrignì, ringhiosi, un sordo argrignura, ringhio, semmai un grign, una risata aperta, con gusto o meglio una grignada, una grossa risata. Mi auguro di non sortire un grignet, sogghigno che si trasforma a volte in una sgrignassà o sgrignassè, sghignazzate. Vi saluto con l’auspicio che accettate il tutto con grignor, con simpatia ed affetto. Una curiosità, esiste in Toscana il grugnale che è il corniolo, albero da frutta che deriva dal latino, cornus, corno perché il legno duro e lucido ricorda il corno del bue, questo albero nei vari dialetti viene detto in Liguria, cuna, cornagh, cornal in Lombardia, cornoler, corgnal, Veneto, corniole, cornajia da noi in Piemonte, crogiolo, cornel in Emilia, corniello, grugnale come detto in Toscana, crognale nelle Marche, corsaro nel Lazio, crugnale in Umbria, prugnale in Abruzzo, cornale in Basilicata, curgnolo in Campania, crugnaro in Calabria, arvulu di corna in Sicilia.
Favria, 24.02.201 Giorgio Cortese

Vivere una vita senza amore per il prossimo è come un parco giochi senza bambini.

Commenti

Blogger: Giorgio Cortese

Giorgio Cortese
Vivere con ottimismo

Leggi anche

Il verme di Lambton, l’umana trascuratezza.

Il verme di Lambton, l’umana trascuratezza. Recentemente ho letto una leggenda della tradizione inglese, Lambton …

PONT. Paese in lutto per l’improvvisa scomparsa di Paolo Chiolerio

PONT. Paese in lutto per l’improvvisa scomparsa di Paolo Chiolerio. Ha suscitato sorpresa ed emozione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *