Home / Torino e Provincia / Cuorgnè / CUORGNE’. Appello di don Ilario: “Aiutatemi a pagare il riscaldamento della Chiesa”
Ruba elemosina in chiesa

CUORGNE’. Appello di don Ilario: “Aiutatemi a pagare il riscaldamento della Chiesa”

“Se scompariranno le monete ci si potrà riscaldare, altrimenti ci salveranno le giacche a vento”.

A Cuorgnè Don Ilario Reges Gianas non usa tanti giri di parole: in vista dell’inverno venturo e con l’autunno già iniziato, servono soldi per pagare il riscaldamento della Chiesa parrocchiale di San Dalmazzo Martire.

Così, dal bollettino parrocchiale “Vivere Cuorgné”, lancia un appello alla comunità dei fedeli.

“Cari parrocchiani, i centesimi non ci scaldano – scrive il parroco -: di questo passo ci salveranno solo le giacche a vento. […] Le offerte raccolte negli ultimi mesi, durante le funzioni religiose dei sabati e delle domeniche si sono attestate sui 200 euro a settimana e con queste cifre non si potrà affrontare, nei mesi invernali, la spesa per il riscaldamento della Chiesa”.

Le spese di riscaldamento della Chiesa di via Tealdi sono coperte dalle offerte raccolte durante le funzioni religiose. Negli ultimi anni, però, il contributo va via via calando e, oggi, non è sufficiente per coprire i circa sei mila euro spesi per riscaldare l’edificio nella stagione invernale.

“Non vogliamo mettere le tariffe sui sacramenti come si fa in altre diocesi – chiarisce don Ilario -. A Catania, ad esempio, si pagano 500 euro per un matrimonio. C’è un precetto che invita a sovvenire alle necessità della chiesa. Ecco: forse è venuto il momento di dare concretamente una mano”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORRAZZA. Contatore in fiamme in via Mazzini, intervengono i vigili del fuoco

Fiamme in va Mazzini poco dopo le 19 quando un contatore del gas ha preso …

il biometano verrà prodotto attraverso la digestione anaerobica del “forsu” (in foto), la frazione organica del rifiuto soldo urbano

CALUSO. Biometano: pubblicato progetto e integrazioni da Città Metro

Ieri 12 agosto Città Metropolitana di Torino ha pubblicato nel proprio sito internet il progetto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *