Home / Piemonte / Cuneo / CUNEO. A.Mittal: Confartigianato, a rischio 400 aziende indotto

CUNEO. A.Mittal: Confartigianato, a rischio 400 aziende indotto

L’associazione Confartigianato Cuneo chiede “misure urgenti per salvaguardare imprese e posti di lavoro dell’Ilva”. In provincia, a Racconigi c’è una sede che produce tubi profilati in acciaio, con 147 addetti diretti fra operai ed impiegati, dove martedì 10 dicembre ci sarà uno sciopero di 8 ore, come nelle altre sedi del gruppo siderurgico- Una delegazione da Racconigi sarà a Roma per manifestare davanti al Mise. “La situazione è drammatica: – dice la Confartigianato – ci sono ritardi dei pagamenti e non si riesce a contattare gli uffici di Taranto. Le associate rischiano di chiudere, mettendo in difficoltà anche le famiglie dei nostri dipendenti”. Sono 400 aziende le artigiane fornitrici di beni e servizi per lo stabilimento di Racconigi. “Siamo sconcertati dall’esito che sta avendo la gestione della crisi da parte del Governo, – commentano Luca Crosetto e Giorgio Felici, presidente provinciale e regionale dell’associazione: – una crisi che parte da lontano e che si sta trascinando senza l’assunzione di decisioni coese e ferme nell’interesse non solo dei dipendenti diretti, ma anche delle imprese dell’indotto. C’è un problema morale rispetto alla necessità di tutelare la sopravvivenza del sistema delle imprese italiane”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

LANZO – Riflessioni sulla pandemia dalle Valli di Lanzo

Sono le minoranze più rumorose, lo sappiamo bene, a farsi notare di più in ogni …

Lanzo – Cassa integrazione, sì fino a 18 settimane, ma restano non poche incertezze interpretative

La ripartenza del sistema economico dopo il lungo lockdown stenta a decollare, soprattutto nelle aree …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *