Home / Turismo Grandi Eventi / Festa dell'uva / Cristina, sarta della reginetta

Cristina, sarta della reginetta

Lei si chiama Cristina Vaio, ha 22 anni, abita a Romano Canavese e da tre frequenta la scuola di Costume Teatrale a Torino. Ha avuto il pregio di disegnare l’abito che indosserà la futura Ninfa Albaluce, il personaggio simbolo della festa dell’Uva. Un evento esclusivo perché in 80 anni di storia della manifestazione mai nessuna Miss ha indossato l’abito ufficiale. Non è mai esistito se non il mantello e la coroncina tramandata da Ninfa a Ninfa. Il vestito è stato prima disegnato su carta, poi creato su mi sura con materiali scelti direttamente da Cristina Vaio. Poi è stato cucito su misura della futura Ninfa, perché già è stata scelta. Il modello è top secret, così come la Miss, e lo sarà almeno fino a domenica prossima quando verrà indossato dalla Ninfa dell’edizione 2013. E’ un abito semplice, elegante ma allo stesso tempo giovanile e rispecchierà, ovviamente, il tema della festa: ovvero il vitigno. Come è nata l’idea dell’abito della Ninfa? “Quella di voler creare il vestito della Ninfa Albaluce è stata una mia idea. Io abito a Romano Canavese, ma il mio ragazzo, Marco Mensa, è calusiese ed è come se io avessi sempre partecipato alla Festa dell’Uva. Proprio frequentando la manifestazione, mi sono accorta che la Ninfa non ha mai indossato un abito che rispecchiasse la festa. Così, lo scorso inverno ho proposto l’idea alla Pro Loco di Caluso. Sono bastati pochi minuti per convincerli e così è nata la collaborazione. Per me è un modo per specioalizzarmi in quello che ho sempre desiderato fare e per il quale ho intrapreso un percorso scolastico dopo aver frequentato l’Istituto d’Arte Felice Faccio a Castellamonte e nel frattempo collaboravo con la Compagnia Teatrale Il Falò”. Per me Caluso è come se fosse una seconda casa e spero che in passato prosegua questa usanza del vestito originale”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Orsolani gigi

CALUSO. Orsolani: “La festa dell’Uva è un’occasione unica per valorizzare i nostri prodotti”

Molto spesso, parlando della festa del’Uva, si tende a trascurarne proprio l’aspetto fondamentale: il vino. …

podio roberto

CALUSO. Podio: “Dopo tante feste dell’Uva, questa avrà un sapore speciale…”

E’ da poco diventato assessore al turismo ma, Roberto Podio, per il turismo di Caluso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *