Home / BLOG / CRESCENTINO. Non è obbligato a dimettersi ma è opportuno che lo faccia
elezioni
elezioni

CRESCENTINO. Non è obbligato a dimettersi ma è opportuno che lo faccia

Le cronache degli ultimi decenni pullulano di casi di persone che, dopo qualche anno di impegno nell’associazionismo o nel volontariato, si sono candidate alle elezioni, e magari sono state elette. Non sempre sono state in grado di portare, nel nuovo ruolo amministrativo, le capacità e le competenze di cui avevano dato prova nelle pro loco o nelle società sportive; ma è innegabile che - soprattutto nelle elezioni comunali, dove «i candidati li conosci» - l’aver guidato un sodalizio locale è un ottimo punto di partenza per raccoglier preferenze. Se poi il sodalizio è un Comitato della Croce Rossa, associazione benemerita che aiuta tutte le persone in difficoltà, è evidente che l’averlo presieduto costituisce un ottimo trampolino per il tuffo elettorale.

Sei arrivato fin qui

Oramai un numero sempre più grande di cittadini si informa attraverso la rete, senza dover pagare nulla. La verità è che fare informazione e farla bene, essere liberi e indipendenti, ha un costo e non sempre della “rete” ci si può fidare. Se ci leggi e ti piace quello che noi scriviamo puoi aiutarci a continuare a fare il nostro lavoro per il prezzo di un caffè alla settimana. E se credi che l’informazioni sia anche uno strumento di libertà puoi aiutarci come “sostenitore” abbonandoti a “La Voce Più”.

Infinitamente grazie,
Liborio La Mattina
Direttore Responsabile La Voce

Blogger: Umberto Lorini

Umberto Lorini

Leggi anche

VERCELLI. Neonato morto dopo parto in casa: Asl, fatte tutte procedure

Nel caso del neonato morto dopo il parto in casa, a inizio agosto, in Valsessera …

Mensam mea!

Mensam mea! Sono stato con dei cari amici a mangiare “Da Jacopo Via Fratelli Rosselli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *