Home / Torino e Provincia / Cossano Canavese / COSSANO. Tre giorni con gli occhi di chi non vede
Lorenzo Tassoni gestisce il progetto ViaggiDiffusi

COSSANO. Tre giorni con gli occhi di chi non vede

A rendere veramente unica l’edizione 2018 della Sagra del Fungo ci penserà il progetto ‘Tre giorni con gli occhi di chi non vede’, un’iniziativa inedita a cui la manifestazione cossanese ha aderito; a descriverci la proposta è Graziella Oddicini, referente progetti di Cossano, che ci dice: “Quest’anno abbiamo deciso di offrire un pacchetto di tre giorni – fruibili anche singolarmente – per i non vedenti. Grazie all’associazione ViaggiDiffusi, infatti, queste persone potranno vivere la sagra accompagnati, con l’ausilio di audio guide e attraverso visite tattili”.

“Venerdì verrà loro spiegato lo spettacolo teatrale, sabato potranno prendere parte alla visita guidata al Museo Tecnologicamente di Ivrea; domenica abbiamo in programma uno studio tattile sui funghi con il gruppo micologico ASL di Ivrea, nonché una degustazione di prodotti tipici e la visita ai Balmetti di Borgofranco”, racconta con soddisfazione.

“Abbiamo accolto l’iniziativa di ViaggiDiffusi con molto entusiasmo: è un’esperienza unica per queste persone che avranno la possibilità di muoversi senza l’accompagnamento dei famigliari, cosa difficilmente possibile in assenza di un’associazione. È un progetto che apre veramente il cuore”.

“Inoltre”, conclude, “si tratta di un’occasione per dare spazio alle idee dei giovani che amano il nostro territorio e vogliono promuoverlo “.

Tra questi giovani, un posto di rilievo è sicuramente occupato da Lorenzo Tassoni – classe 1985 – , coordinatore di ViaggiDiffusi, a cui abbiamo chiesto di parlarci dell’iniziativa.

“Il progetto è attivo dal 2015” , ci dice, “e nasce dall’idea del turismo esperienziale responsabile volto a far conoscere i territori. Alla base di tutto vi è il concetto di contatto diretto con le cose, di esperienza, appunto”.

E aggiunge: “Dopo aver conosciuto l’Associazione ONLUS La Girobussola di Bologna, che lavora anch’essa per garantire l’accessibilità ai non vedenti, abbiamo deciso di unire le forze”.

Ad oggi, quindi, ViaggiDiffusi si occupa di far vivere alle persone non vedenti esperienze turistiche secondo i principi di responsabilità e sostenibilità disposti dall’ AITR -Associazione Italiana Turismo Responsabile.

Molte le località italiane e straniere visitate finora: Venezia, Bologna, Siena, Roma, e, ovviamente, il Canavese, ma anche Berlino, New York, Perù, Portogallo, Irlanda. 

“Di solito ci muoviamo in gruppi di sette o otto persone”, ci dice, “e cerchiamo sempre di creare una certa convivialità nella piccola comitiva. È una bella sfida mettere d’accordo le diverse esigenze, tuttavia accompagnare queste persone è un’esperienza emozionante e bellissima. Ogni volta è diverso”.

Per partecipare alle attività in programma per la Sagra del Fungo, sarà necessario contattare Lorenzo Tassoni al 340 0861836.

Commenti

Blogger: Martina Gueli

Martina Gueli
Artisticamente parlando

Leggi anche

CHIVASSO. Il “Weekend della Salute” 19-20 ottobre 2019

Forti dell’esperienza acquisita nella precedente edizione, anche per quest’anno è stato  organizzato un Weekend dedicato …

LANZO – Il cibo all’alba del terzo millennio, tra cultura eccessi e salute

Si intitola “Il cibo all’alba del terzo millennio” il saggio di Mara Antonaccio edito da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *