Home / Edizione Chivasso / CORONAVIRUS. Più test nelle Rsa con la macchina donata da Diasorin
diasorin
La sede di DiaSorin a Saluggia

CORONAVIRUS. Più test nelle Rsa con la macchina donata da Diasorin

CORONAVIRUS. Si potenzia il sostegno alle Rsa del Piemonte con un nuovo macchinario donato da Diasorin e con la il via alla distribuzione della terza tranche di mascherine. Lo annunciano gli assessori al Welfare Chiara Caucino, alla Sanità Luigi Icardi, e alla Protezione civile Marco Gabusi, con il vicepresidente della Regione, Fabio Carosso.

Il nuovo macchinario è stato regalato al laboratorio delle Molinette insieme a tutti i kit necessari per i test, che verranno fatti dal personale della Città della salute, a bordo di un mezzo della Protezione civile. Questa mattina è partita anche la distribuzione al personale sanitario della terza tranche di mascherine: 95 mila pezzi che arrivano dopo la prima tranche di 30 mila e la seconda di 60.

Dei 95 mila dispositivi, 70 mila andranno alle residenze socio-sanitarie e a quelle assistenziali, 20 mila ai servizi domiciliari e alle residenze per disabili, alle comunità per minori, ai rifugi per donne vittime di tratta e a quelle per i senza fissa dimora, e cinquemila andranno nei luoghi protetti genitori-figli. Le operazioni continueranno anche nel week-end pasquale.

Desideriamo – affermano gli esponenti della Giunta Cirioesprimere la nostra gratitudine al personale della Città della salute, alla Protezione civile, e naturalmente alla Diasorin per la sua generosità. Il nostro obiettivo è ora tutelare i soggetti più fragili, e speriamo con questo programma di fornire una risposta assistenziale adeguata“.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Cava della ditta Allara: perché non lavorare tutto il materiale nell’impianto di Borgo Revel?

Gli ambientalisti di Chivasso, Montanaro e Verolengo hanno scritto una lettera aperta ai loro sindaci. …

CRESCENTINO. Estrazione di inerti lungo il Po in località Sasso: progetto ritirato dopo le osservazioni inviate da cittadini, ambientalisti e Comuni

Con una lettera protocollata il 15 gennaio scorso alla Regione, al Parco del Po, all’Aipo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *