Home / Torino e Provincia / Corio / CORIO. In ricordo dei martiri partigiani morti nell’eccidio del Cudine

CORIO. In ricordo dei martiri partigiani morti nell’eccidio del Cudine

75 anni fa, esattamente il 17 novembre 1944 – ha ricordato il Sindaco di Corio, Susanna Costa Frola – in questo luogo avvenne una tragedia conosciuta come l’eccidio del Cudine. In questa piccola borgata tra le montagne, furono trucidate 33 giovani vite”. Tra i 17 e 32 anni, partigiani – di cui 12 carabinieri- che avevano scelto la Resistenza in  montagna dopo l’8 settembre ‘43. Con loro uccisi anche un gruppo di civili. Nella notte tra il 16 e 17 novembre una colonna di nazifascisti, risalita da Lanzo, colse di sorpresa i partigiani e li massacrò: crudeltà testimoniata da scritti del comandante Aldo Giardino e dal giovane Nanni Savant.

Erano nati nei paesi vicini, come Balangero, Robassomero, Nole, Leinì, oltreché Torino e in varie zone d’Italia. Anche per sensibilità che lega il territorio, erano presenti alla commemorazione l’Arma dei Carabinieri e  molti gonfaloni e Sindaci: Lanzo, Balangero, Traves, Germagnano, Cafasse, Coassolo, Robassomero, Nole, Caselle, Forno, San Maurizio accanto a rappresentanti Anpi del Canavese e delle Valli. Quest’anno  due partecipanti da Serra San Quirico (Ancona): Ivana Papa, nipote di un martire, col figlio. In famiglia conservano la lettera inviata dal cappellano don Bertola, da Corio il 25 aprile 1945, con  dati sulla morte e sepoltura dello zio Ivo Papa. Seguendo sul web  le notizie della zona, sono giunti alla cerimonia per avvicinarsi al fatto, entrato nella loro storia. 

Fatto avvicinato anche dagli studenti delle classi II e III della Scuola secondaria di primo grado di Corio. Con  poesie dei comandanti  partigiani  Davide Lajolo e Walter Azzarelli, della combattente Tullia De Mayo  e della staffetta partigiana Maria Airaudo. Con riflessioni  e azioni di quei giorni, in ricerca paziente, guidati dai loro insegnanti. Lo ha sottolineato il Sindaco, ringraziando gli intervenuti e in particolare l’oratore ufficiale. Presentato da Stefano  Bona, coordinatore dell’Anpi di zona e membro della Segreteria provinciale, ha preso la parola l’avvocato Giuseppe Niedda, parlamentare nella XIII legislatura. Risalendo incisivo dall’8 settembre’43 ai giorni nostri,  Siamo grati alla Resistenza – ha concluso- premessa al referendum del 2 giugno ‘46 e al complesso lavoro per la Costituzione, nella libertà. Oggi nella storia travagliata, migliaia di nostri militari operano ancora per la pace: in Irak, Etiopia, Serbia, Libia… Sentiamoci grati. Chiamati al servizio, facendo bene là dove operiamo”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

PONT. Scuola: parla il gruppo di maggioranza

Dopo la mancata concessione del finanziamento regionale per la ristrutturazione dell’attuale scuola media di Pont …

CUORGNÈ. Corso di formazione per gli operatori economici

I commercianti di Cuorgnè potranno partecipare ad un corso di formazione “e-commerce” per la promozione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *