Home / Coronavirus / Conte vara minilockdown ma il Natale non è ancora salvo. (Il nuovo Dpcm da scaricare)
coronavirus ospedale tortona

Conte vara minilockdown ma il Natale non è ancora salvo. (Il nuovo Dpcm da scaricare)

Il virus “corre veloce” e non c’è più tempo: per salvare il Natale ed evitare un lockdown totale che l’Italia non può più permettersi bisogna intervenire ora con misure “più restrittive”, salvaguardando salute ed economia e garantendo indennizzi immediati per tutte le categorie penalizzate dalla nuova stretta, che arriveranno direttamente sul conto corrente. All’ora di pranzo il premier scende nel cortile di Palazzo Chigi per presentare il nuovo Dpcm – il terzo in tre settimane che, di fatto, sancisce il mini lockdown dell’Italia – e chiedere al paese di ritrovare lo spirito di marzo. “Siamo un grande paese, ce l’abbiamo fatta allora e ce la faremo pure adesso” che dobbiamo fare nuovi sacrifici. Misure necessarie, dice il presidente del Consiglio, contro le quali però si scagliano le categorie produttive, a partire da Confindustria.

“Faccio fatica a capire qual è la direzione, ci siamo fatti cogliere impreparati”” attacca il presidente Carlo Bonomi ricordando che ci sono ancora 12mila lavoratori che devono incassare la Cig di maggio. Il premier non nasconde le difficoltà. Ammette che il momento “è complesso” è che nel paese “c’è molta stanchezza e frustrazione”. Di più: “se fossi dall’altra parte anche io proverei rabbia contro le misure del governo”.

Ma i numeri sono impietosi e anche l’ultimo bollettino lo conferma: per la prima volta dall’inizio dell’emergenza i nuovi casi schizzano ad oltre 21mila in un giorno. Sul suo tavolo ci sono le proiezioni degli esperti per le prossime settimane, numeri con tutti gli indicatori cerchiati di rosso. Dunque bisogna intervenire rapidamente.

“Se stringiamo ora – sottolinea – a dicembre respiriamo e vorremmo arrivare alle festività natalizie con predisposizione d’animo serena”. Insomma, salvare il Natale – anche e soprattutto dal punto di vista economico – diventa la priorità. Il pacchetto di misure valide fino al 24 novembre va in una duplice direzione: ferma tutto ciò che è tempo libero e divertimento e salva lavoro e scuola, anche se su quest’ultima la ministra Azzolina deve cedere, con la didattica a distanza che per le superiori potrà arrivare al 100%.

Il premier elenca gli interventi e si sofferma sulla decisione di chiudere cinema e i teatri, “una scelta particolarmente difficile”. Alle Regioni che chiedevano la chiusura dei locali alle 23 risponde che “la pandemia sta correndo in maniera uniforme e critica” e dunque non c’è spazio per concessioni. L’unico compromesso con i governatori è quello sulla Dad e la possibilità per i ristoranti di aprire la domenica, inizialmente negata.

“Il nuovo Dpcm – gli risponde il presidente dell’Umbria Donatella Tesei – presenta incongruità e crea delle forti disparità tra categorie”. Conte sa comunque che il paese è stanco e il rischio di tensioni sociali, come dimostrano i fatti di Roma e Napoli, è altissimo. Dunque buona parte della conferenza stampa la dedica a spiegare le misure di compensazione. “Non mi piace fare promesse ma prendo un impegno a nome del governo – scandisce – Sono già pronti gli indennizzi per tutte le categorie che sono penalizzate dalle nuove norme”.

Il provvedimento, un decreto legge messo a punto da Gualtieri e Patuanelli, dovrebbe essere già martedì in Gazzetta Ufficiale. I soldi “arriveranno direttamente sul conto corrente degli interessati con bonifico bancario dell’agenzia delle entrate”. Ma non solo: il pacchetto prevede un credito di imposta per gli affitti commerciali di ottobre e novembre, la cancellazione della seconda rata dell’Imu, un’indennità mensile una tantum ai lavoratori stagionali di turismo, spettacolo e intermittenti dello sport, la proroga della Cig, un’ulteriore mensilità del reddito di emergenza e misure di sostegno alla filiera agroalimentare.

Quanti soldi sono? Il premier non lo dice, si parla di almeno due miliardi. Promesse che non convincono l’opposizione – “non ci stanno capendo niente, è intollerabile che navighino a vista” dice Giorgia Meloni – e le categorie colpite. Dopo Bonomi attacca anche la Federazione dei pubblici esercizi (Fibe): “la ristorazione pagherà un costo di 2,7 miliardi, senza ristori è il colpo di grazia”. Per il presidente dell’Agis Carlo Fontana quella di chiudere i cinema e i teatri è una scelta “devastante”, un “colpo difficilmente superabile” mentre il presidente della Federazione Nuoto Paolo Barelli chiede 3 miliardi per il settore e avverte: “attenti alla protesta sul territorio”. Rivendicazioni legittime alle quali però Conte oppone quelle del governo. “Non ci siamo distratti, non abbiamo abbassato la soglia d’attenzione. E ricordo – rivendica – che prima dell’estate tutti, anche l’opinione pubblica, pensavano di aver passato la pandemia mentre il governo ha chiesto la proroga dello stato di emergenza ha detto che non potevamo abbassare la guardia e ha continuato a comprare mascherine e respiratori”.

Cosa non si potrà fare fino al 24 novembre
Stop ristoranti alle 18,chiuse palestre e cinema, dad fino a 100%

Chiudono gli impianti di sci, tutte le fiere, comprese quelle internazionali, e la dad alle superiori potrà arrivare al 100%. Il governo ha varato il nuovo Dpcm con alcune correzioni rispetto alle prime ipotesi contenute nelle bozze circolate ieri. Resta la chiusura alle 18 per bar e ristoranti ma i locali potranno restare aperti anche la domenica. Niente ‘street food’ dopo le 18 e tavoli dei ristoranti al massimo per quattro. Ai cinema, teatri, sport e palestre, si aggiunge la serranda chiusa anche per i centri sociali e culturali. Salvi invece i concorsi pubblici e privati che fino a ieri erano compresi nel giro di vite. Resta la “raccomandazione” ad uscire solo per ragioni di necessità (ma non si fa più riferimento ai trasferimenti dal proprio Comune) e a non in vitare a casa amici e parenti. Confermata anche la possibilità per le Regioni di adottare, se lo ritengono, norme più restrittive.

Qui il testo del nuovo DPCM

Ecco tutte le misure.

CHIUSI I CENTRI CULTURALI, STOP A TUTTE LE FIERE. Niente palestre, piscine, terme, discoteche, sale giochi, sale scommesse, sale bingo, casinò. Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, cinema e in altri spazi “anche all’aperto”. Serrande abbassate anche per i centri sociali e ricreativi. Chiudono anche i parchi tematici, restano aperti invece i musei, parchi e le aree giochi per i bambini ma resta obbligatorio il distanziamento. Non si potranno tenere sagre e fiere, neanche quelle a livello nazionale e internazionale che erano state salvate dal precedente dpcm.

BAR E RISTORANTI CHIUSI ALLE 18, LA DOMENICA APERTI Le attività dei servizi di ristorazione (la cui apertura può essere dalle 5 in poi) non potranno avere clienti a partire dalle 18 ma resteranno aperte la domenica, diversamente da come era stato pensato inizialmente. Scendono da 6 a 4 le persone che possono sedersi attorno allo stesso tavolo, a parte i casi di nuclei familiari più numerosi (dove tutti sono conviventi). Dalle 18 in poi è consentito il servizio a domicilio e da asporto ma non si potrà consumare il cibo acquistato nei luoghi pubblici, per strada e nelle piazze.

SCUOLA, DAD FINO AL 100% ALLE SUPERIORI. Le scuole superiori adotteranno una Dad almeno al 75% che può diventare anche l’unica modalità. Si suggerisce anche di spalmare l’orario scolastico al pomeriggio e comunque l’ingresso sarà a partire dalle 9. Tutto questo per alleggerire il traporto pubblico. Resta in presenza l’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione, materna, elementari e medie.

CHIUDONO GLI IMPIANTI DI SCI. La norma vale per tutta Italia. Potranno essere usati solo per gli allenamenti degli atleti professionisti.

SPORT, SOLO GARE NAZIONALI. Tutte le altre sono sospese. Sospesi, per i livelli non professionistici, gli allenamenti per gli sport di contatto; per le discipline non di contatto ci si potrà continuare ad allenare ma fuori da piscine e palestre che dovranno chiudere.

VIETATE LE FESTE, SI RACCOMANDA ‘STOP OSPITI A CASA’. Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose. Con riguardo alle abitazioni private, è raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi.

NIENTE CONVEGNI E CONGRESSI. Si potranno tenere solo con modalità a distanza.

MANIFESTAZIONI SOLO ‘STATICHE’. E nel rispetto delle distanze e delle altre misure di contenimento.

POSSIBILE CHIUSURA DI PIAZZE ALLE 21. “Delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, fatta salva la possibilità di accesso, e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

brancaleoni Leini

LEINI. Si è spento Bruno Brancaleoni, storico fotografo leinicese

Si è spento nelle scorse ore Bruno Brancaleoni, “Branca”, 84 anni, indimenticabile protagonista e testimone …

VENARIA. Pizzeria data alle fiamme, ipotesi incendio doloso

I carabinieri di Venaria stanno indagando sull’incendio scoppiato questa notte, poco dopo le 4, nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *