Home / BLOG / Con le mani in pasta!

Con le mani in pasta!

Con le mani in pasta!
E’ risaputo che il cibo è, per tutti noi, il primo veicolo di relazione umana. Pensate che il neonato, per la necessità di essere nutrito pone le basi delle sue relazioni con le persone che lo accudiscono. Come si vede fino da subito i bambini godono, per la necessità di essere sfamati la presenza ravvicinata di una persona adulta, con cui avvia i suoi primissimi dialoghi, fatti inizialmente di sguardi, che poi saranno accompagnati da emissioni vocali, da sorrisi, da gesti ed infine da parole. Ed ecco che con l’infanzia i bambini trovano nell’attività del cucinare, ricca di stimolazioni per i cinque sensi. Cucinare è poi un’attività molto stimolante dal punto di vista conoscitivo, perché ricca di spunti di osservazione ed esperienze che sono alla base della comprensione dei concetti base della fisica, della chimica, della matematica, ad esempio il concetto di frazione, che a scuola gli insegnanti lo spiegano ricorrendo al disegno di una torta che viene suddivisa in parti. Se questa torta, anziché essere solo disegnata, viene preparata, cucinata e poi divisa con i compagni, poiché è più facile imparare facendo, capire, e ricordare. Ben vengano iniziative come questa di Favria Giovane sempre attiva sui giovani, con l’aiuto della Pro Loco di Pertusio che ha messo a disposizione dei locali per incoraggiare una ventina di Piccoli Chef che hanno partecipato, dalla prima elementare alla quinta questa simpatica iniziativa. Questi cucinieri in erba sono stati seguiti dagli animatori e dalle cuoche Antonella e Simona, dalle mamme che hanno organizzato le varie merende prima delle lezioni. Il corso è iniziato a novembre 2018 si è chiuso in questa settimana di maggio 2019. Questa iniziata insegna ai Piccoli Chef la consapevolezza che il sapere usare le mani vuole dire saper creare fisicamente qualcosa, vuol dire sapere fare. Durante il corso gli animatori e le cuoche hanno fornito importanti opportunità di relazione e di socializzazione, facilitando l’accettazione, la comprensione ed il superamento dei propri personali limiti, avvicinando i bambini ad apprezzare la possibilità di accettare l’aiuto di adulti e dei compagni, e di provare per questo gratitudine. Come già detto la cucina coinvolge tutti i cinque sensi. Le pietanze cucinate da questi provetti mini chef si vedono, si annusano, si toccano, si assaggiano e si sentono anche. Pensate quindi all’emozione dei bambini, cucinare con i bambini significa sperimentare nuovi profumi ed odori che i bimbi impareranno a conoscere. Significa far toccare alle loro manine superfici, consistenze e forme tutte da scoprire. Significa anche farli avvicinare a gusti che magari, fino ad ora, non si erano mai provati e per i quali adesso, con la scusa di dover preparare qualcosa con le proprie mani, si può fare un’eccezione. Significa anche abituarli a rumori diversi: un esempio su tutti, lo sfrigolio dell’olio nella padella. Ecco quindi che cucinare con i bambini si trasforma in una scoperta davvero emozionante per loro: una scoperta che li coinvolge, che li affascina e che li gratifica anche. In fondo, anche loro hanno preparato il pranzo, la cena o perché no, la merenda che finirà nel loro pancino. In conclusione un plauso all’associazione Favria Giovane che con il corso Mini Chef ha iniziato a trasmettere alcuni concetti importanti di educazione alimentare. Come assaggiare tutto sulla tavola dove si impara ad accogliere e condividere dopo aver preparato con le mani in pasta.
Favria, 23.05.2019 Giorgio Cortese

Ogni giorno mettiamo impegno affinchè ogni esperienza diventi la nostra lezione di vita.

Commenti

Blogger: Giorgio Cortese

Giorgio Cortese
Vivere con ottimismo

Leggi anche

CHIVASSO. Massimiliano Modena e le sue foto che “parlano”

“La fotografia è il grande amore della mia vita. Sono specializzato, in particolare, in reportage …

Temistocle!

Temistocle! Una mattina presto di questa calda estate, mi sono seduto in una panchina del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *