Home / Attualità / Comunicare in Europa anche con i Fondi Europei: l’esperto Stefano Buscaglia ci spiega come
Stefano Buscaglia
Stefano Buscaglia

Comunicare in Europa anche con i Fondi Europei: l’esperto Stefano Buscaglia ci spiega come

Stefano Buscaglia, è nel campo della comucazione istituzionale e promozione turistica da circa 20 anni.
Anni di collaborazione con Rai Due, con il programma Sereno Variabile, condotto da Osvado Bevilacqua, alla promozione del territorio per enti pubblici nel Pala Fiori, durante il Festival di San Remo, consulente nelle più importanti Fondazione Bancarie come Crt e Cassa di Risparmio di Cuneo fino a svolgere il ruolo di Assistente Parlamentare Accreditato presso il Parlamento Europeo, sedi di Bruxelles e Strasburgo.
Uno dei suoi core business è anche però la materia dei fondi europei, dove l’italia è stata fino a poco tempo fa fanalino di coda per l’utilizzo e la partecipazione ai bandi.
Quattro chiacchere con il comunicatore Stefano Buscaglia …:
Cosa significa per un soggetto privato o ente partecipare ai fondi europei?
Prima di tutto mi rincresce affermare che il nostro Paese non usufruisca totalmente dei fondi europei, soprattutto per scopi sociali o per migliorare l’efficacia internazionale di un’Azienda.
Mi occupo di valutare la possibilità che hanno una Start Up non troppo “giovane” come vita professionale, o un ente per ottenere fondi strutturali europei e/o regionali. Il presupposto fondamentale è considerare il fatto che questi soggetti rientrino per tecnicalità, competenza nel bando europeo.
Occupazione ed inclusione sociale per esempio o agricoltura e sviluppo rurale o potenziamento nelle strutture ricettive turistiche. Molti bandi impongono la “collaborazione” progettuale ed effettiva con un Paese straniero, possibilimente limitrofi fra loro. Italia e Francia per citarne due.
Un esempio pratico che mi viene in mente è quello della pista ciclabile più lunga d’europa in Abruzzo, con oltre 137 km lungo la costa. Circa 30 milioni di euro stanziati dall’Europa. Fu un lavoro incredibile.
Da questo esempio, molti comuni piemontesi potrebbero ambire ad ottenere molti finanziamenti a fondo perduto. Alcune piccole realtà potrebbero creare degli spazi per disabili, anche per incrementare il commercio.
 
“Non possiamo non chiederle come ha vissuto la collaborazione con Osvaldo Bevilacqua?”
Osvaldo, come ho già detto ad alcuni vostri colleghi è un campione del mondo! E’ l’unico presentatore che ha condotto, ininterrottamente, un programma televisivo per 40 anni, senza mai cambiare presentatore. E’ stato insignito del Guinness World Record, conducendo oltre 4.000 puntate, con quasi 2.000 ore di trasmissione.
Una volta abbiamo prodotto una puntata di Sereno Variabile, per conto della Fondazione CRT, a Torino. Abbiamo fatto conoscere la Torino più nascosta.
Mi ricordo infatti che siamo andati a circa 10 metri di profondità, dove si nascondono labirinti e passaggi segreti, ideati da Emanuele Filiberto di Savoia verso la fine del 1570 circa. Mi ricordo anche l’indirizzo esatto, ovvero Via Papacino.
Emozione unica, credetemi. La Redazione di Roma fu assalita di mail e telefonate da tutta Italia per avere informazioni su quel luogo.
Un territorio deve mostrare le proprie “chicche” nascoste. Questo è l’investiemnto migliore. Ci vuole però un pò di “non normalità”
 
Non normalità in che senso?
Nel senso che un branvo comunicatore che deve occuparsi di rilanciare un territorio per esempio, non deve far spendere troppo all’Ente, ma individuare quello che si ha “in casa”.
Non posso fare a meno di citare anche a Voi un bellissimo episodio di supporto alla comunicazione. In poche parole dovevo fornire un piano di comunicazione per la promozione della Provincia di Vercelli, con un budget importante ma non troppo impegnativo….diciamo così: ho “scoperto” che era ancora in vita la mondina più longeva d’Italia, Nonna Mina. Con 103 primavere! Questa mondina storica fu la testimonial della provincia di Vercelli in tutto il mondo, per un turismo longevo!!!
Tutti media ne parlarono: La Vita in Diretta, Tg5, Tg1, persino la BBC mandò una troue a Vercelli. Cartelloni pubblicitari in tutte le regioni ed aeroporti.  Tirare fuori quello che il territorio ha, andando a riscoprire i valori, la storia, le “cose nascoste”
Come vede la politica italiana ora?
Un caos ordinato! Bisogna attendere la nascita di alcuni veri leader, carismatici e competenti. Questo per quanto riguarda un mio giudizio professionale, avendo conosciuti alcuni politici di razza.
Dall’altro canto bisogna aspettare che alcuni cicli siano terminati, e parlo di cicli che riguardano anche l’assetamento economico, sociale dell’Eurpoa. Tutto è quasi ciclico. La storia insegna.
Più competenze, più strategie innovative, sia a livello locale che nazionale.
Ora è impegnato in qualcosa di specifico?
Ho un progetto dedicato alla promozione turistica per Comuni, Consorzi e Regioni all’estero, innovativo e mai prima realizzato, con strategie di marketing ben precise.
Ho anallizzato per circa 16 mesi gli algoritmi dei flussi turistici. Anche qui i fondi erupoi avranno un ruolo importante. Non è un progetto limitato nel tempo, sia chiaro. Non è uno slogan!!!

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Incendio in via Dalla Chiesa

SETTIMO TORINESE. Incendio in via Dalla Chiesa. Un ferito

Un incendio è divampato questa notte, intorno alle 2, al secondo piano di una palazzina …

coronavirus

CORONAVIRUS. Sono 685 i positivi e 73 i morti nel Vercellese

Alla sera dell’8 aprile tra città e provincia si contano complessivamente 685 “positivi” e 73 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *