Home / Torino e Provincia / Colleretto Giacosa / COLLERETTO. Un contributo per chi non ha diritto al bonus centri estivi

COLLERETTO. Un contributo per chi non ha diritto al bonus centri estivi

Il Comune di Colleretto Giacosa per l’estate 2020 non gestirà direttamente il centro estivo ma sosterrà le famiglie che avranno la necessità di utilizzare centri estivi per bambini e ragazzi di età compresa tra i 3 e i 14 anni nel periodo di sospensione delle attività scolastiche.

Il contributo economico di 30 euro o di 60 euro (nel caso della presentazione dell’ISEE inferiore o uguale a 15.000,00 euro) a bambino per settimana di frequenza del centro estivo verrà concesso alle famiglie che rientrano nei seguenti requisiti: residenza del minore nel Comune di Colleretto Giacosa; età del minore dai 3 ai 14 anni (nati dal 01 gennaio 2006 al 31 dicembre 2017); famiglia che non ha accesso ad altri contributi pubblici per la stessa tipologia di servizio; famiglie in cui entrambi i genitori (o uno solo in caso di famiglie mono genitoriali) siano: lavoratori dipendenti, parasubordinati, autonomi o associati; famiglie in cui un genitore rientra nel precedente punto ed uno è in cassa integrazione, mobilità o disoccupato; famiglie in cui un genitore rientra nei precedenti punti e l’altro è impegnato in modo continuativo in compiti di cura, valutati con riferimento alla presenza di componenti il nucleo familiare con disabilità grave o non autosufficienza come definiti ai fine ISEE.

Le domande dovranno pervenire entro il 10 luglio 2020.

L’erogazione del contributo avverrà su presentazione della ricevuta del pagamento del Centro Estivo con indicati i turni frequentati.

Commenti

Blogger: Mattia Aimola

Mattia Aimola
Senza peli sulla penna

Leggi anche

SALUGGIA. Neanche il lockdown ha fermato Dj Symoz e la sua musica

Simone Yuri Moz aka (in arte, ndr) Dj Symoz è inarrestabile, neanche il Coronavirus e …

IVREA. Lisa, forse Gino, boh non so… Casali: “Mi hanno offesa…”

Avete presente l’attrice Franca Valeri nei celebri sketch della “Signorina snob”? Correvano gli anni 60 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *