Home / 25 Aprile / COLLERETTO CASTELNUOVO. Un 25 Aprile senza cerimonie

COLLERETTO CASTELNUOVO. Un 25 Aprile senza cerimonie

Sarà un XXV Aprile tristemente insolito quello del 2020: niente cerimonie commemorative, discorsi, spettacoli, mostre. Nei grandi centri si potrà magari svolgere una cerimonia simbolica con pochi rappresentanti delle  istituzioni ma in quelli piccoli non avrebbe senso nemmeno questo: chi vi assisterebbe? E’ quanto dicono i sindaci di alcuni dei comuni nei quali la manifestazione si teneva regolarmente. Sostiene ad esempio il primo cittadino di Colleretto Castelnuovo Aldo Querio Gianetto: “Si facevano delle piccole letture davanti al Monumento ai Caduti ed ovviamente queste non sarà possibile effettuarle. Inutile pensare ad una cerimonia con due o tre persone che parlano al vuoto: un conto sono i grandi centri, dove magari si viene ripresi dalle televisioni ed i cittadini possono assistere  da casa ma nei nostri piccoli paesi questo non potrebbe avvenire”. L’altro comune della Valle Sacra nel quale la manifestazione si teneva sempre è Castelnuovo Nigra. La commemorazione ufficiale, con messa e corteo, si svolgeva alternativamente a Sale ed a Villa (sono i due nuclei, nettamente staccati tra loro, che compongono il Comune) nella domenica più vicina al 25. La scelta della domenica era dovuta alla presenza in loco del sacerdote che sale da Castellamonte per celebrare la messa, una volta a Sale una a Villa.  Stiamo pensando di mettere dei manifesti e deporre una corona davanti al monumento – dice il sindaco Danilo Chiuminattoè tutto quello che possiamo fare”.

In Valle Orco a Sparone la commemorazione non si teneva, a Ribordone si svolgeva quando le condizioni  atmosferiche erano favorevoli. A Pont, Locana, Noasca e Ceresole la ricorrenza della Liberazione la si è invece sempre festeggiata; a Frassinetto veniva organizzata dal Gruppo Alpini. In qualche caso, come a Noasca, l’amministrazione sta riflettendo sulla possibilità di mettere in piedi una piccola iniziativa mentre ad Alpette, dov’è particolarmente sentita visto il ruolo del paese nella Resistenza, il sindaco Varetto ha deciso di registrare un messaggio aderendo ad una proposta della Città Metropolitana.k

Commenti

Blogger: Caterina Ceresa

Caterina Ceresa
Autore e collaboratore de La Voce del Canavese nell'alto Canavese

Leggi anche

Asl To 4: Ardissone presenta la dimissioni a Icardi

CHIVASSO. Asl To 4: Ardissone presenta le dimissioni all’assessore regionale alla sanità Luigi Genesio Icardi. …

RONDISSONE. Carla Valle va in pensione dopo 43 anni in Comune

Per lei nessuno è mai stato “soltanto un numero”. Dopo oltre quarant’anni di servizio (43 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *