Home / Eventi / Altri Eventi / CIRIÈ. Roberta è la nuova Marchesa “Il Palio unisce la nostra città”

CIRIÈ. Roberta è la nuova Marchesa “Il Palio unisce la nostra città”

Prenderà il testimone lasciato da Barbara Re dopo anni di impegno e dedizione.  Sarà Roberta Frattin, 28 anni, a vestire i panni della Marchesa Margherita di Savoia al 14esimo Palio dei Borghi.  Laureanda alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, partecipante ai corsi di teatro dell’Ars et Labor, volontaria in biblioteca negli eventi culturali, Frattin ama sfilare, è appassionata di storia, filmografia e di aerei militari. Le piace andare in moto, colleziona farfalle (ne ha circa una cinquantina), ha gatti,  gioca a biliardo e in garage tiene una Vespa Lx125 rossa. Rosso sangue, d’altronde, è il suo colore preferito. In passato ha lavorato come modella tra Torino e Milano, e da piccola ha fatto danza nella scuola comunale ciriacese, che ai tempi era diretta dall’attuale sindaco Loredana Devietti. Ascolta musica rock, rap, classica ed elettronica. Tra gli artisti preferiti i Pink Floyd e Francesco Guccini. E i film?  Arancia Meccanica e Apocalypse Now.  Segue il calcio e tifa Toro.   

Chi è Roberta Frattin?

Una ragazza normalissima. Sono spontanea, estroversa, energica, dinamica, intraprendente, diretta. Ma sono anche un po’ acidella, e sensibile (che è un pregio ma anche un difetto).

Qual è la cosa più importante per te?

La mia famiglia.

Cosa odi di più?

L’ipocrisia di alcune persone

Come ti sei affacciata al Palio dei Borghi?

Ho iniziato a sfilare da piccola, ai tempi delle scuole medie, per Borgo Loreto. Ho poi partecipato con la Scuola di Danza, che si occupava delle coreografie per La Spada nella Rocca.  Ho sempre fatto parte di Borgo Loreto, per il quale ho ricoperto anche il ruolo di responsabile dei costumi. Negli ultimi anni mi sono avvicinata al Corteo Margerita di Ciriè, Caselle e Lanzo. Ho vestito i panni della Marchesa già l’anno scorso, al Torneo delle Città Medievali, e in alcune sfilate svolte fuori da Ciriè. Ma il Palio sarà il momento più importante. 

Cosa ti piace delle sfilate storiche?

Tante cose. Mi piacciono soprattutto gli abiti e i dettagli degli abiti.

E del Palio?

Il clima che si viene a generare, le gare. Ciriè vive. Il Palio riesce ad unire tutta la città, nonostante la rivalità tra i Borghi. È un’emozione. Ci metti impegno, passione, dedizione, tempo, stanchezza e stress per due anni, ma poi arrivi a questi tre giorni e rimani a bocca aperta e pensi: “È bellissimo”.   

Il momento che preferisci?

La sfilata.

E tra le gare?

Il tiro alla fune.

Chi fu Margherita di Savoia?

Fu una donna carismatica, coraggiosa, determinata, capace di governare da sola con grandi risultati in un periodo in cui la guida politica era riservata agli uomini.

Ti senti un po’ come lei?

Vorrei, mi piacerebbe. E sono contenta di avere la possibilità di farla rivivere.

Qual è la prima cosa che hai pensato quando Barbara Re ti ha chiesto di prendere il suo posto?

Non ci potevo credere. Ci ho pensato mezzo secondo e poi ho accettato. È stato un riconoscimento di Barbara nei miei confronti, secondo lei sono la persona più adatta, anche perché sono stata un po’ la sua ombra in questi anni, l’ho seguita in questo percorso fuori e dentro il Palio.

Cosa ti aspetti da questi tre giorni?

Di viverli con grande emozione, da un’altra prospettiva rispetto al passato.

Vestirai i panni della Marchesa solo in questa edizione?

Spero di no, spero di poter continuare.

Commenti

Blogger: Manuel Giacometto

Manuel Giacometto
La sfumatura

Leggi anche

Ferrovia

CIRIÈ. Metropolitana leggera, Marrone e D’Agostino: “Ora concretizzare le promesse”

Il sottopasso della Torino-Ceres e la metropolitana leggera fino a Ciriè sono in bilico? Ci …

POLEMICA. Ciriè non è un paese per giovani. “Ecco perché fuggiamo a Torino”

L’Italia non è un paese per giovani. Ma anche Ciriè non scherza. “Anzi, la città …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *