Home / Eventi / Altri Eventi / CIRIE’. Lunathica, si scaldano i motori per un mese di eventi
La presentazione del programma a Ciriè a Villa Remmert

CIRIE’. Lunathica, si scaldano i motori per un mese di eventi

È stato presentato sabato mattina a Villa Remmert il programma della XVII edizione di Lunathica – Festival Internazionale di Teatro di Strada. La manifestazione organizzata dai Lunatici in collaborazione con amministrazioni pubbliche, associazioni ed enti privati si terrà dall’1 al 30 giugno nei comuni di Ciriè, Nole, San Maurizio Canavese, San Francesco al Campo, Balangero, Lanzo e Fiano.

“Il festival – comunica Cristiano Falcomerpropone un programma di altissimo livello qualitativo con artisti provenienti da tutto il mondo, un calendario divertente, insolito e unico con spettacoli adatti a tutti. Le migliori compagnie internazionali di teatro di strada, circo, teatro urbano, danza e clown trasformeranno vie, piazze e cortili in luoghi magici e incantevoli. Si esibiranno per la prima e unica volta in Italia compagnie di fama mondiale, provenienti da Canada, Spagna, Argentina, Messico, Francia, Slovacchia, Nuova Caledonia, Israele, Svizzera, Italia, Stati Uniti e Austria”. Lunathica accoglierà un totale di 25 compagnie da 12 nazioni, con 15 prime nazionali, 11 date uniche in Italia, 5 prime regionali, 7 luoghi coinvolti, 14 luoghi di esibizione e 15 giorni di spettacolo. Gli spettatori previsti sono circa 20mila. “Lunathica – commenta l’Assessore regionale alla Cultura e al Turismo, Antonella Parigi – si conferma un appuntamento tradizionale all’interno del sempre più ricco palinsesto regionale dedicato al circo e al teatro di strada. Un festival di grande rilievo non solo per il proprio territorio di riferimento, ma per tutto il Piemonte, capace di unire un’area nel segno della cultura e di offrire appuntamenti di altissimo livello”.

Le “new entry”

Quest’anno sono state coinvolte anche le Valli di Lanzo. “Abbiamo scelto di aderire al Festival  perché  abbiamo avuto modo di apprezzare i numerosi spettacoli che nel corso degli anni sono stati proposti nel nostro territorio – dichiara Tina Assalto, sindaco di Lanzo e presidente dell’Unione Montana Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone -. Espandere a nord gli eventi, per dare anche ai nostri territori la possibilità di godere di spettacoli di alto livello e di una forma d’arte che affascina tutte le età, può essere secondo noi un modo per far percepire le nostre zone come meno marginali, in grado di creare le stesse opportunità  di altri comuni di maggiori dimensioni. Uno dei nostri obiettivi primari è quello di portare gente nelle nostre valli, in modo che ci conosca e che, incuriosita, possa tornarvi. La presenza del Festival sarà un ottimo strumento ed una bella opportunità”.

New entry anche Fiano e Balangero. “Con i miei amministratori, da quando siamo stati eletti, abbiamo cercato di ascoltare, favorire e collaborare con chi produce cultura coordinando iniziative che favoriscano la crescita culturale del nostro paese – commenta il primo cittadino fianese Luca Casale -. È per noi motivo d’orgoglio essere riusciti a portare una delle tappe del tour di Lunathica a Fiano. Ci aspettiamo una risposta positiva da parte della nostra comunità in quanto ci sono tutti gli ingredienti per una manifestazione che si annuncia adatta a tutti, dai più piccoli ai più grandi, che deve essere vista anche come momento di aggregazione di divertimento e di socializzazione”.

Entusiasta anche il vice sindaco di Balangero Stefano Rossi: “Siamo felicissimi di far parte del circuito di Lunathica. Appena eletti ci siamo subito mossi per poter strappare una piazza così importante anche per Balangero. Il risalto e la qualità internazionale degli spettacoli mi hanno sempre affascinato. È un onore per Balangero aprire quest’anno il cartellone, spero che i Balangeresi apprezzino come ho apprezzato io questo fantastico circuito teatrale”.

Gli amministratori

Chi ha già avuto modo di vedere il festival di Lunathica sul proprio territorio non sta già più nella pelle. “Lunathica è un Festival di alto livello che si migliora ogni anno ed è in grado con i suoi spettacoli di coinvolgere gli spettatori, dando loro l’occasione di trascorrere alcune serate estive all’aperto e in modo piacevole – sottolinea il primo cittadino ciriacese, Loredana Devietti -.  Nel corso degli anni, gli eventi di Lunathica hanno richiamato gli appassionati di arte di strada e hanno fatto sì che sempre più persone si avvicinassero al teatro urbano, grazie alla bravura e alla creatività degli artisti italiani e internazionali selezionati per le diverse rappresentazioni. Sarà l’occasione per trascorrere tutti insieme alcune gradevoli serate estive all’insegna del divertimento di qualità”.

Entusiasta anche Luca Bertino, Nole. “Lunathica – rimarca – è oramai divenuta un’autentica passione verso l’arte di strada, verso la scoperta di spettacoli unici, verso l’ambientazione in spazi nuovi e suggestivi. Sono queste le ragioni che spingono la nostra amministrazione a sostenere fortemente la crescita del festival. Anche quest’anno le migliori compagnie internazionali si esibiranno in scenari unici e a Nole ci immergeremo nuovamente nella natura dell’oasi dei Gorét lungo le piste ciclabili di Corona Verde, pronti a condividere insieme a tutti voi lo splendido successo dell’anno scorso”. Per non parlare di Sonia Giugliano, assessore alla cultura di San Maurizio. “Lunathica è festa, festa è comunità! – conclude -.  Per San Maurizio l’appuntamento è ormai fisso, ma cresce ogni anno la volontà di adesione a questo festival dal forte impatto sul territorio in termini di crescita culturale e di riscoperta sociale. Lunathica rappresenta per noi la scommessa sul sentimento del riscoprirsi parte di una collettività e sulla valorizzazione e rivitalizzazione dei nostri spazi urbani”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIAVERANO. Il cantante Matteo Romano gira sul Sirio il suo ultimo video

Dopo Caparezza, un altro cantante, Matteo Romano, sceglie Chiaverano per girare il video della sua …

BRUSASCO. Dana: ai domiciliari ma lontana dalla sua amata valle

“Fuori dal carcere, purtroppo ai domiciliari e non nella mia amata valle, ma a Torino”. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *