Home / Torino e Provincia / Ciriè / CIRIACESE-VALLI. Rivoluzione nella differenziata, così il Cisa evolve la raccolta
Mario Burocco direttore del consozio Cisa

CIRIACESE-VALLI. Rivoluzione nella differenziata, così il Cisa evolve la raccolta

Il primo di agosto ha visto il debutto di una nuova metodologia nella raccolta differenziata, promossa dal consorzio Cisa. Se infatti fino ad oggi siamo stati abituati a smistare il vetro insieme al metallo, ora è arrivata una “nuova coppia”: le lattine, l’alluminio e l’acciaio, purchè “leggeri” saranno da gettare nel sacco della plastica. La ragione dietro al cambiamento è non solo la volontà di velocizzare e rendere ancora più efficiente il processo di smaltimento dei rifiuti, ma anche il recente cambiamento del mercato del vetro. Per questo motivo è fondamentale la collaborazione e l’impegno degli utenti nel mettere in atto questa novità nel flusso. Per quanto riguarda il calendario e le modalità di raccolta invece, rimarranno invariate. Il Cisa, uno degli ultimi consorzi della Città Metropolitana di Torino ad adeguarsi a questa modalità di frazionamento, seguirà i cittadini nel non semplice processo di transizione, consegnando materiale informativo, degli adesivi da apporre sul cassonetto blu che sarà ora dedicato solamente al vetro e altre agevolazioni. In particolare, verranno distribuite due lettere agli utenti, una riguardante la raccolta porta a porta e una per quella stradale, una ecoguida, per orientare ad una corretta raccolta differenziata, un nuovo dizionario ecologico, con le indicazioni per ogni singola tipologia di rifiuto, adattato alle nuove regole. Infine, per facilitare la raccolta stradale, verranno distribuiti presso i comuni del consorzio anche delle sacche differenziate per andare incontro alle esigenze degli utenti che smaltiscono i rifiuti secondo questa modalità.  Per rendere ancora più efficace questo cambio faremo affliggere in ognuno dei comuni interessati, perché ci sia visione immediata di cosa è in atto – ha spiegato il presidente del Cisa, Mario Burocco -. Si tratta di un percorso graduale e immaginiamo che non tutta l’utenza sarà pronta immediatamente ad adattarsi ad esso. Per questo il travaso del flusso dei metalli quali alluminio e acciaio potrebbe esaurirsi solo da qui a fine anno. In questa fase di passaggio gli errori non saranno ancora considerati come frazione fuori posto, ma l’invito è a mettere in atto le nuove regole il prima possibile”.

La speranza è che questo percorso funzioni bene, tanto quanto il recente passaggio alla raccolta puntuale che, secondo i primi dati parziali del Cisa, è partita in modo positivo.

Commenti

Blogger: Chiara Verra

Chiara Verra
Extra e ordinario

Leggi anche

SAN BENIGNO. “Lascio L’Eredità per tornare a scuola, i ragazzi mi aspettano”

Ha emozionato tutta Italia Niccolò Pagani, professore della scuola media salesiana di San Benigno Canavese, …

RIVAROSSA. “Mi dimetto, sono stanco di fare il Don Chisciotte”

Sarebbe bastato posticipare i consigli comunali e dell’Unione Collinare di un’ora, un’ora e mezza. E …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *