Home / Torino e Provincia / Chivasso / CHIVASSO. Si toglie la vita ad un mese di distanza dal suicidio del fidanzato
suicidio

CHIVASSO. Si toglie la vita ad un mese di distanza dal suicidio del fidanzato

Si toglie la vita ad un mese di distanza dalla morte del compagno, anche lui morto suicida. Sara Cannata, 29 anni, originaria di Taranto, si è tolta la vita, impiccandosi nell’alloggio in via Momo 24 a Chivasso. E’ accaduto oggi, nel tardo pomeriggio.

A fare la tragica scoperta sono stati i carabinieri allertati da un’amica che poco prima aveva ricevuto sul suo telefonino un sms straziante inviatole proprio da Sara: “Non posso più vivere senza di lui…”. All’arrivo dei militari, però, non c’è stato più nulla da fare. Sara era già morta.

Il compagno, Francesco Curcio, originario di Campora San Giovanni (Cosenza), si era tolto la vita a 27 anni, esattamente un mese fa. Era il 12 febbraio quando i carabinieri avevano trovato il suo cadavere nei pressi di un bosco dietro il cimitero di frazione Castelrosso. Si era impiccato ad un albero dopo aver vagato tutta la notte a causa di un litigio con la fidanzata Sara.

Entrambi lavorano al Presidio sanitario “5 Torri” di Settimo Torinese (TO)

Commenti

Blogger: Andrea Bucci

Andrea Bucci
Minuto per minuto

Leggi anche

Carabinieri (foto d'archivio)

TORRAZZA. Proiettile contro un’abitazione: “Temiamo arrivi dal poligono”

Un solo sparo, in pieno giorno ha colpito la porta della villa di una coppia …

CHIVASSO. Massimiliano Modena e le sue foto che “parlano”

“La fotografia è il grande amore della mia vita. Sono specializzato, in particolare, in reportage …

2 Commenti

  1. Sono la zia di Sara, ho letto tanti articoli sulla tragedia di mia nipote in cui si scrive che lei si è tolta la vita perchè si sentiva in colpa per un litigio con Francesco. Tutto ciò mi addolora, dato che nessun ragazzo si toglierebbe la vita solo per questo, infatti era lui che aveva un grande senso di colpa che lo tormentava da più di dieci anni. Nessuno ne ha mai parlato, ma io voglio dirlo per un senso di giustizia nei confronti di Sara che si è uccisa, sì, ma SOLO per amore, per un grande e immenso amore verso un ragazzo che non è riuscito a liberarsi del rimorso che il suo più grande amico era morto per colpa sua. Naturalmente nessuno condivideva il suo pensiero, perchè l’amico è morto in Calabria,nel suo paese d’origine,per un tragico incidente, ma lui la pensava così e si è tormentato per anni, finchè non ha retto più. Io ho deciso che per un anno , ogni mese, farò fare a entrambi una messa in loro ricordo, affinchè riposino in pace insieme, ma ribadisco che Sara non ha colpe per la morte dell’amore della sua vita!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *