Home / BLOG / CHIVASSO. Scandalo in città: massaggi “bars” ai bambini dell’elementare!
Gary Douglas e Dain Heer nella scuola Dasso di Chivasso. La foto è tratta da un video pubblicato su youtube

CHIVASSO. Scandalo in città: massaggi “bars” ai bambini dell’elementare!

I membri di Access Consciousness sono entrati in una scuola elementare di Chivasso e sono entrati in contatto con gli alunni. Ce lo conferma la nuova dirigente scolastica dottoressa Daniela Franzino, che non ha alcuna responsabilità nell’accaduto. Ha infatti preso servizio in settembre e i fatti sono avvenuti l’anno scorso. La dirigente Franzino ci racconta come sono andate le cose, come risulta dall’indagine interna che essa ha immediatamente svolto. Alcuni insegnanti hanno proposto ad alcuni genitori di sottoporsi a un massaggio ai 32 “bar”, o barre o punti, che secondo Access tutti abbiamo nella testa. Ovviamente pura fantasia, una balla gigantesca, 32 punti che nessuna ecografia o TAC riesce a vedere. Comunque i genitori si fanno massaggiare la testa dai “facilitatori” di Access, giudicano di averne tratto beneficio, e si dichiarano disponibili a sottoporre al massaggio bar anche i loro bambini. Leggono il programma presentato alla scuola dalla operatrice Access signora Chiara Dolza. Poi firmano tutte le autorizzazioni, anche a divulgare foto e video. Così il video nel quale si vedono i bambini della Dasso ripresi in volto sta facendo il giro del mondo su you tube.

Non abbiamo visto queste “autorizzazioni” rilasciate dai genitori, la dirigente non ce le ha mostrate e quindi non sappiamo se sono state fatte a regola d’arte. Faremo domanda di accesso alla scuola, non per conoscere i  nomi dei genitori, ma per avere copia del modulo di autorizzazione che essi hanno sottoscritto.

Abbiamo interpellato una psicologa e un neurologo, che ci hanno spiegato tre cose:

  1. Il modulo deve indicare se la “ricerca scientifica” allegata al programma è stata validata da una commissione di esperti della materia;
  2. Il consenso dei genitori non deve essere generico. Deve essere simile al “consenso informato” che i medici ci fanno firmare prima di un intervento. Quindi deve mettere a conoscenza i firmatari delle eventuali conseguenze del trattamento. Deve illustrare dettagliatamente la natura dei “bar”. Deve indicare con estrema precisione quali parti del corpo saranno trattate: non basta dire genericamente “in testa”. Ecc. Ecc.
  3. Se i genitori autorizzano a fotografare e filmare i bambini, e a divulgare foto e video, debbono specificare: in quale parte del web – siti, blog, fb – potranno venire pubblicati; per quali scopi e motivi; per quanto tempo. Nessuna di queste specifiche è riportata nel video you tube che abbiamo visto.

Abbiamo già descritto la settimana scorsa il video. I due leader di Access Consciousness, i texani Gary Douglas e Dain Heer, tradotti da Chiara Dolza, presentano ai bambini il trattamento bar. Con fare paterno, spiritoso, accattivante. I bimbi appaiono divertiti e allegri. Poi alcuni di loro, sdraiati sulla schiena, vengono massaggiati in testa dalla signora Dolza e da altri adulti che potrebbero essere i genitori.

COS’E’ ACCESS CONSCIOUSNESS

Access insegna che ciascuno di noi ha 32 “bar”, o barre, o punti, nella testa. Praticare un leggero massaggio ai “bar” può arrecare numerosi benefici al massaggiato, adulto o bimbo che sia. Male che vada, il massaggiato si rilassa e si calma un po’. Ma se va bene, egli diventa capace di proiettare la propria vita verso il successo, nel campo dei soldi e del sesso, oltre che della salute. Tutti noi – spiegano i leader di Access – abbiamo grandi potenzialità che non riusciamo a esprimere. Il nostro cervello è come un computer pieno di virus, che ne rallentano e bloccano il funzionamento. Bisogna ripulire il computer: il massaggio bar libera le nostre potenzialità e ci lancia verso il raggiungimento della ricchezza e di una felice vita erotica.

Gary Douglasha pubblicato un libro intitolato “Il problema non sono i soldi, il problema sei tu” e l’eserciziario “Come diventare denaro”.  Nel libro “Joy of Business” l’australiana Simone Milasasinsegna a fare soldi e a conviverci serenamente. Non molto tempo fa la signora Milasas aveva 187.000 dollari di debiti. “Oggi sono il coordinatore mondiale di Access Consciousness che opera in oltre 170 paesi e la fondatrice e creatrice di Joy of Business. Ho completamente cambiato la mia condizione economica e ora lavoro con persone di tutto il mondo, offrendo una nuova, gioiosa possibilità con affari e denaro”. Dain Heer, cofondatore di Access e comproprietario del Castello di Casalborgone, anch’egli presente alla lezione scolastica della Dasso, vende a 485 dollari il suo corso “7 Steps to Orgasm. How Orgasmic Can Your Life Be?”. L’austriaca Susanna Mittermaier ha scritto “Piscologia pragmatica. Strumenti tecnici per essere follemente felici”. Shannon O’Hara insegna persino a “Parlare con le Entità”.

Nel campo della salute, Access ritiene che il massaggio ai bar possa recare sollievo a molti sofferenti, per esempio ai depressi. Molti anni fa Dain Heer era così depresso e senza speranza che aveva deciso la data del suo suicidio: “Avevo dato all’universo sei mesi e poi mi sarei ucciso”. Fu allora che scoprì l’esistenza dei massaggiatori di Bar. Bastò un’ora di massaggio per salvarlo: “dopo una sola sessione di Bars… Dain cambiò la sua intera prospettiva sulla vita e si rese conto che tutto andava bene”.

Access ipotizza che patologie gravi come l’autismo possano trasformarsi in potenzialità: “Coloro che chiamiamo X-Men sono bambini a cui ci si riferisce come disabili o con necessità speciali e che vengono al mondo con ciò che viene etichettato come ADD, ADHD, OCD o Autismo. Gary Douglas ed il Dr. Dain Heer, i co-fondatori di Access Consciousness, riformulano questo punto di vista riferendosi a questi bambini non come bambini con necessità speciali ma bambini con talenti speciali, o X-Men”.

Access Consciousness ha elaborato una sorta di programma scolastico, incentrato sui massaggi bar, dal titolo: “Gli Access Bars Cambiano la Vita dei Bambini che Falliscono a Scuola”. Access vanta di averlo sperimentato con successo a Malaga. Curiosamente a Malaga è domiciliata l’inglese Moira Bramley, anch’essa di Access Consciousness, la signora che possiede il 25% del Castello di Casalborgone. Infatti nel 2017 otto membri di Access, tutti stranieri, hanno comprato la società Immobiliare Castello di Casalborgone, che possiede il castello omonimo. Tra loro alcuni dei facilitatori che abbiamo appena citato: i texani Gary Douglas e Dain Heer, presenti alla lezione alla scuola Dasso, gli austriaci David Kubes e Susanna Mittermaier, l’australiana Simone Milasas, e altri.

Il programma bars presentato alla scuola Dasso

Torniamo alla scuola elementare Dasso. Per ottenere, dal dirigente scolastico di allora, il permesso di eseguire ai bambini il massaggio bars, nel 2017 la facilitatrice Chiara Dolza ha presentato un programma da svolgere nell’anno scolastico 2017-2018, poi ripetuto l’anno successivo (il video in rete è datato marzo 2019). Il programma prevede di praticare il massaggio bars a 6 bambini per volta, per 20 minuti ogni 15 giorni, per tutta la durata dell’anno scolastico.

Stupisce che un programma del genere, un vero delirio, sia stato accettato da genitori attenti, insegnanti provvisti di laurea, dirigenti sperimentati. Tre paginette di parole prive di senso, affermazioni non provate, promesse un po’ azzardate.

La signora Dolza si qualifica come “Facilitatrice Certificata Access Consciousness”. Cos’è questa certificazione? Qualcuno ne ha mai sentito parlare? Da quale istituzione scientifica o scolastica o universitaria è stata rilasciata? Quali garanzie di professionalità offre? La signora non cita nemmeno un proprio titolo di studio. Ha studiato psicologia?

La signora Dolza assicura che il massaggio bar in testa ha un effetto rilassante dai “comprovati effetti benefici a livello neurologico”: comprovati da chi, quando, dove? Fortunatamente ci viene in soccorso una frase dal significato cristallino: “Come sarebbe scoprire nuovi strumenti per generare il futuro che sai essere possibile?” Chiaro, no?

Chissà, la signora Dolza possiede conoscenze scientifiche. Come testimoniano queste sue parole: “Un malessere emozionale causa stress, il che aumento il livello del cortisolo endogeno”. Il cortisolo esiste ed è sicuramente endogeno perché è prodotto dalle ghiandole surrenali. Quello esogeno, prodotto da fuori, non si sa da dove arrivi. Forse da Casalborgone.

Il massaggio in testa ai bambini ha riscosso notevole successo “in diverse aree del mondo”: dove e quali non si sa. Fidiamoci: la signora Dolza dichiara che “altri progetti sono attivi in questo momento in tutto il mondo”, purtroppo “senza documentazione presente online”.

Nell’area della didattica il massaggio bar produce una maggior concentrazione nello studio “prima di un esame”: solo che nelle elementari l’esame di quinta è stato abolito. Sarà tutto utile per l’esame della patente. Nell’area della salute il massaggio in testa arreca la riduzione e la scomparsa di incubi notturni e la riduzione della inappetenza e persino della bulimia. Non è meraviglioso?

Nel progetto la signora Dolza dichiara di allegare una ricerca redatta nel 2015 dalla redatta dalla Global Neuroscience Research Foundation e intitolata Access Consciousness Bars Research. Sfortunatamente nemmeno la Foundation è presente online. In rete abbiamo però trovato un riassunto della ricerca Access Consciousness Bars Research. Dal quale apprendiamo che i dettagli scientifici saranno spiegati in modo più completo in un articolo, ovviamente “scientifico”, in “preparazione per la pubblicazione futura”. Nemmeno questo articolo scientifico riusciamo a trovarlo in rete. Scriveremo di questa ricerca prossimamente. Per ora basti dire che essa si fonda sull’analisi dei “gas” scaricati dalle dita dei bambini…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

Blogger: Piero Meaglia

Piero Meaglia
Rosso relativo

Leggi anche

Giustizia

CASTELLAMONTE. Attirava ragazze per farle prostituire, condannato a 15 anni

Quindici anni di reclusione: è la condanna pronunciata dal tribunale di Ivrea nei confronti di …

Mercurio o idrargirio!

Mercurio o idrargirio! Mercurio non è un elemento semplice da utilizzare, a una densità molto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *