Home / BLOG / CHIVASSO. “Ricordi e Storia di una Vita… la Mia”, la biografia di Pier Carlo Rosa. Un vero chivassese che tanto ha fatto per la sua città.
Pier Carlo Rosa

CHIVASSO. “Ricordi e Storia di una Vita… la Mia”, la biografia di Pier Carlo Rosa. Un vero chivassese che tanto ha fatto per la sua città.

Pier Carlo Rosa, classe 1937, presidente del Museo della Croce Rossa di Chivasso e chivassese doc, ha deciso di raccontare la sua vita in un libro ed io ho avuto il piacere di aiutarlo nella stesura e realizzazione di questa raccolta di ricordi…

Il tutto è iniziato poco meno di un anno fa, dalla richiesta di Pier Carlo di scrivergli la biografia, cosa che gli promisi avrei fatto non appena ne avessi avuto il tempo. E il tempo per farlo è arrivato durante il lockdown. Dalla base dei suoi appunti scritti a mano è nato il libro che abbiamo riletto, rivisto e rimaneggiato più e più volte. Testo ma non solo, anche tante foto che raccontano la storia di un uomo che ne ha davvero vissute tante e che tanto ha realizzato in 83 anni, anche nella nostra Chivasso. Cose che neanche io sapevo, ma che ho scoperto dai suoi racconti: è stato fra i rifondatori della Pro Loco “L’Agricola” di Chivasso, presidente della Bocciofila, uno dei fondatori della “Confraternita del Sambajon dij Noaset”, uno dei due ideatori del “Trofeo del Tortellino”, membro della “Confraternita dell’Erbaluce di Caluso” e della “Confraternita del SARTO”, uno dei fondatori della “Corale Città di Chivasso”… senza dimenticare che grazie alla sua collezione privata di circa trentamila pezzi donati alla CRI, ha dato vita al Museo della Croce Rossa di Chivasso, appunto. Il suo contributo nella nostra citta è stato grande.

Oltretutto, con il suo lavoro di lattoniere idraulico e vetraio ha preso parte alla realizzazione di tanti e tanti edifici chivassesi e non. Ma non solo, ha aperto anche quello che è stato fra i primi negozi di casalinghi di Chivasso.

Un uomo che da bambino ha vissuto la guerra, che si è fatto da solo creandosi un mestiere con le sue mani, ma anche un artista bravissimo nel realizzare mosaici. Tante le gioie vissute da Pier Carlo, ma anche tante le sofferenze. Una vita piena, davvero da raccontare… un pezzo di storia.

Ma questo libro, fisicamente, non esisterebbe se non ci fosse stato Alessio Baroni, grafico pubblicitario, che ringrazio. Dopo aver letto la mia prima stesura ha capito e sentito il desiderio di “una persona buona di lasciare qualcosa di bello” e si è offerto di curarne la produzione: dalla progettazione della copertina a quella grafica e stilistica dell’impaginazione interna, alla stampa. Ha seguito personalmente ogni passaggio per far sì che Pier Carlo avesse il suo libro esattamente così come lo voleva: formato dell’opera, tipo di carta, impostazione della gabbia, scelta del font e dell’interlinea, disposizione dei paragrafi, collocazione delle immagini… ogni singolo dettaglio. Senza contare l’aiuto datomi nella parte di editing, anche con alcuni suggerimenti per migliorare il testo. Un “signor libro”, che non ha nulla da invidiare a quelli esposti e venduti nelle librerie… anzi.

Ho voluto scrivere la mia storia per il desiderio di lasciarne testimonianza agli amici e alle persone che mi hanno voluto e che mi vogliono bene, ed è proprio per loro che ho prodotto queste copie e spero che lo gradiranno. Può essere che mi sia dimenticato qualcosa e che non abbia citato tutti, ma alla mia età può capitare di ‘perdere qualche colpo’ e spero che nessuno se ne abbia a male – afferma sorridendo Pier Carlo -. Ci tengo a ringraziare Alessandra Sgura e Alessio Baroni per avermi aiutato a realizzare questo mio desiderio. Sono felice e soddisfatto della mia biografia, è un piacere immenso averla in mano, sapere che esiste e che resterà nel tempo”.

Commenti

Blogger: Alessandra Sgura

Alessandra Sgura
Conosciamoli meglio

Leggi anche

Ospedale di Settimo tutto per il Covid. La Regione chiede di utilizzare anche il Fenoglio

Quasi 500 contagi, 15 classi in quarantena alle scuole superiori (è bene ricordare che parliamo …

giuseppe summa, nursind

Subito assunzioni negli ospedali dell’Asl To4. Lo chiede il Nursind

“Subito assunzioni! La macchina burocratica non può rallentare lo scorrimento delle chiamate dalla mobilità infermieri”. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *