Home / Eventi / Altri Eventi / CHIVASSO. Quando Napoleone Bonaparte venne a Chivasso nel 1800

CHIVASSO. Quando Napoleone Bonaparte venne a Chivasso nel 1800

Ritorna anche quest’anno “Napoleone Bonaparte a Chivasso”, la rievocazione storica che riporta in primo piano un episodio di non poco conto della storia della nostra città: l’entrata di Napoleone Bonaparte e delle sue truppe nel maggio di 219 anni fa.

La rievocazione napoleonica viene realizzata a Chivasso come in molte altre città del Nord Italia che hanno vissuto la presenza di Bonaparte, una presenza che, nel bene e nel male, ha influenzato fortemente la vita delle cittadinanze coinvolte.

A differenza dell’edizione 2018, in cui la rievocazione fu estremamente spettacolare, l’iniziativa di quest’anno è basata più su importanti dettagli culturali e sul teatro di strada che mette in evidenza fatti e personaggi di quel periodo.

La storia

Nella primavera del 1800 le truppe del Primo Console di Francia Napoleone Bonaparte, dopo aver superato le Alpi al valico del Gran San Bernardo, scendono rapide lungo la valle della Dora Baltea, decise a riconquistare la Pianura Padana tornata in possesso degli Austriaci. Il 22 maggio del 1800 i francesi conquistano Ivrea e qui Napoleone detta al generale Lannes, comandante dell’avanguardia, un ordine perentorio: occupare Chivasso. Alle prime luci dell’alba del 26 maggio il generale Lannes si mette in marcia con cinquemila uomini verso Chivasso, ma a Romano Canavese, nei pressi del ponte sulla Chiusella, trova oltre diecimila soldati austriaci decisi a sbarrargli il passo. Inizia così il feroce combattimento passato alla storia come “Le Combat de Chivasso” al termine del quale i Francesi riescono ad aprirsi la strada verso Chivasso. Mercoledì 28 maggio, verso mezzogiorno, l’avanguardia francese entra in città. Qualche ora dopo vi giunge anche il Console Bonaparte che a Chivasso trascorrerà la notte. I soldati francesi restano in città tre giorni e per i Chivassesi sono giorni difficili, trascorsi a mettere faticosamente insieme le provviste ed i rifornimenti richiesti dagli occupanti.

Il programma

Ecco il programma delle manifestazioni del prossimo week end.

Venerdì 24 maggio, alle ore 18, presso la sede Pro Loco Chivasso l’Agricola, in Piazza Carletti 2, inaugurazione della mostra di documenti, cimeli e miniature napoleoniche.

Sabato 25 maggio, presso la sede Pro Loco Chivasso l’Agricola, Piazza Carletti 2, mostra di documenti, cimeli e miniature napoleoniche (orario: 10/12, 17/19). Lungo via Torino esposizione pannelli narranti la storia di Chivasso tra fine settecento ed inizio ottocento (orario: 10/12, 17/19). Nel centro storico, dalle ore 11, arrivo in città delle truppe napoleoniche e apertura mercatino di modellismo. In piazza Carlo Noè, dalle ore 16.45,  “Tutta un’altra storia… passeggiando per le vie di Chivasso”  rappresentazione teatrale lungo le vie del centro storico. In Piazza della Repubblica, dalle ore 18.30:,arrivo del Primo Console Napoleone Bonaparte e consegna delle chiavi della città da parte della Municipalità. Domenica 26 maggio, sabato 1 giugno e domenica 2 giugno, nella sede della Pro loco Chivasso l’Agricola, in piazza Carletti 2, mostra di documenti, cimeli e miniature napoleoniche (orario: 10/12, 17/19). Lungo via Torino esposizione di pannelli narranti la storia di Chivasso tra fine settecento ed inizio ottocento (orario: 10/12, 17/19). Mercoledì 29 maggio, nella sede della Pro Loco Chivasso l’Agricola, in Piazza Carletti 2, mostra di documenti, cimeli e miniature napoleoniche (orario: 10/12).

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Che fine ha fatto il “Mercà d’la Tola”?

C’è qualcosa che non torna, nell’agenda delle priorità che s’è data l’amministrazione comunale targata Claudio …

CHIALAMBERTO. A Vonzo, alla riscoperta dei borghi alpini

Prosegue il progetto di valorizzazione dei Borghi Alpini della Val Grande. Dopo Vru, a Cantoira, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *