Home / BLOG / CHIVASSO. Il miglior BNI d’Italia è quello nato nel chivassese

CHIVASSO. Il miglior BNI d’Italia è quello nato nel chivassese

Non si vive di sola “grande distribuzione” nella città dei nocciolini. Nei giorni in cui a nord della ferrovia apre il Centro Commerciale Chivasso, un’altra realtà che racchiude una cinquantina tra imprenditori e professionisti del chivassese festeggia.

Sì, avete capito bene.  Il capitolo “Brooklyn” di BNI (Business Network Chivasso) ha infatti ricevuto il premio come “Primo Capitolo d’Italia”, distinguendosi per scambio di relazioni e affari fino al gennaio 2018.

In Italia ci sono 230 capitoli di BNI, con oltre 7000 membri.

Per i chivassesi, guidati dalla presidente Elisa Zagatti, dal vice Alessio Moregola e dal segretario Fabrizio Vaschetto, il riconoscimento è senz’altro motivo di grande orgoglio. Soprattuto in un periodo difficile come quello che viviamo oggi.

BNI, per chi non lo sapesse ancora, è l’organizzazione di scambio referenze e passaparola più vasta e di successo a livello mondiale. Grazie ad un sistema pensato, strutturato e perfezionato appositamente per dare e ricevere referenze, i membri BNI allargano la propria sfera di contatti e così incrementano il proprio giro d’affari.

Noi abbiamo messo in pratica tutto ciò nel chivassese e ne stiamo raccogliendo i frutti”, spiega Elisa Zagatti, titolare di Relax Casa Arredamenti a Chivasso.

L’organizzazione BNI nasce negli USA nel 1985 ad opera di Ivan Misner, un imprenditore che ebbe la geniale idea di coinvolgere i propri fornitori, amici imprenditori e clienti attorno ad un tavolo dicendo loro pressappoco così: “La mia azienda è in un momento di grossa difficoltà perché il nostro fornitore più importante si è dileguato ed il nostro fatturato è sceso del 50 per cento… Vi chiedo cortesemente di referenziarmi a chiunque, tra le vostre conoscenze, possa aver bisogno della mia attività in modo che la mia azienda possa superare questo momento di difficoltà. Io mi impegno a fare altrettanto nei vostri confronti!”.

Il nostro capitolo si chiama Brooklyn, ha sede a Chivasso ed è composto da circa 50 imprese che gravitano nel chivassese – continua Elisa Zagatti -. Ci ritroviamo regolarmente ogni venerdì mattina alle 7.30 per una riunione che termina sempre alle 9 presso l’ampio salone del Dopo Lavoro Ferroviario. Il nostro scopo è, con un sistema efficace, costruire un valido gruppo di persone che utilizzino in modo organizzato il “passaparola” reciproco ottenendo e generando referenze e quindi sostenendosi a vicenda e collaborando tra loro”.

Brooklyn s chiama fuori dal coro – conclude la presidente – di chi subisce la crisi passivamente e al contrario trova, in modo strutturato e metodico, altre soluzioni, sviluppando un giro d’affari di centinaia di migliaia di euro”.

Commenti

Blogger: Emiliano Rozzino

Emiliano Rozzino
Libero di...

Leggi anche

VENARIA. Vaccini ai bambini: Uniti per Cambiare interroga il sindaco Giulivi

“Ma i bambini possono vaccinarsi a Pianezza?”. E’ l’interrogazione posta dalla consigliera Mariachiara Catania (Uniti …

VENARIA. I Verdi dicono “no” al taglio degli alberi di via Barbi Cinti

C’è chi dice no, cantava Vasco Rossi. E a Venaria c’è chi non ha preso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *