Home / Torino e Provincia / Chivasso / CHIVASSO. Messa in sicurezza della Rivoira, ci sono i finanziamenti
castello claudio
L'assessore Claudio Castello

CHIVASSO. Messa in sicurezza della Rivoira, ci sono i finanziamenti

Il Comune di Chivasso ha ottenuto i finanziamenti regionali per la messa in sicurezza dell’area dello stabilimento Rivoira di stradale Torino. L’area, da anni, è oggetto di discussioni per la pericolosità intrinseca che rappresenta l’attraversamento ferroviario per l’accesso e il deflusso dei mezzi pesanti che trasportano gas altamente infiammabile, e l’alto rischio che comporterebbe il possibile fermo degli autoarticolati sui binari ferroviari.

Lo stabilimento Rivoira è un’azienda a “Rischio di incidente rilevante”, classificata come tale nel Piano di Protezione Civile e nel Piano Regolatore del Comune di Chivasso. Già nel 2000 si era individuata una soluzione al problema, grazie al progetto delle Ferrovie per l’abbattimento dei passaggi a livello. La realizzazione delle opere, definita “lunetta di Chivasso”, è tuttavia tramontata a causa della sospensione del progetto complessivo, per mancanza di finanziamenti. Ora, grazie alla partecipazione al bando per l’accesso ai cofinanziamenti del quarto e quinto Programma del Piano nazionale della Sicurezza Stradale redatto dalla Regione Piemonte. Nei giorni scorsi la notizia dell’ottenimento dei finanziamenti regionali. Il costo complessivo delle opere è di circa 450 mila euro, di cui per la metà messi a disposizione dal Comune di Chivasso.

I lavori prevedono, in una prima fase. un collegamento della strada di accesso allo stabilimento Rivoira a nord ferrovia con la strada comunale dell’Argine posta a ovest, con la realizzazione di un ponte sul Rio Nuovo Orchetto e adeguamento della sezione viaria per i raccordi necessari. Nella seconda fase sara realizzato il miglioramento dell’innesto sulla Stradale Torino mediante parziale copertura del Rio Nuovo Orchetto a sud ferrovia con ingresso obbligatorio da est e uscita obbligatoria verso ovest; realizzazione di corsia preferenziale di innesto lato est per gli automezzi in ingresso allo stabilimento; posa di dissuasori centrali sulla Stradale Torino di fronte all’accesso, per evitare manovre non consentite; la realizzazione di un nuovo impianto semaforico “intelligente” per garantire un accesso in sicurezza attraverso i binari della ferrovia; l’eliminazione del passaggio a livello di accesso attuale alla strada comunale dell’Argine per la frazione Pratoregio, in accordo con Rfi Spa.

I finanziamenti regionali hanno come finalità quella di mettere in sicurezza quelle strade comunali considerato ad alto rischio. Nella zona nota dai chivessesi come  “Curva della Satti”, negli anni ’70-’90, si sono verificati diversi incidenti, alcuni anche mortali. “Anche se recentemente non si sono più registrati eventi particolari – spiegano il Sindaco Libero Ciuffreda e  l’assessore Claudio Castelloabbiamo ugualmente partecipato al bando regionale, appena è stato pubblicato e siamo molto soddisfatti che sia stato finanziato. L’area rimane particolarmente critica tanto che la messa in sicurezza e l’accesso al passaggio a livello sono inseriti nel Piano Seveso 2, a causa della presenza di gas lavorati nell’azienda”.

Commenti

Blogger: Emiliano Rozzino

Emiliano Rozzino
Libero di...

Leggi anche

SAN MARTINO. Carabinieri in Comune per allontanare la consigliera Zilli

Carabinieri. Ambulanza. Mezzo paese affacciato all’uscio del Comune mentre dentro scoppiava una bagarre che così …

IVREA. Lettera aperta a Gillardi. C’era una volta lo “Speciale Mugnaia”

Egregio presidente dello storico carnevale di Ivrea Piero Gillardi e pc Sindaco di Ivrea Sentinella …

Un commento

  1. Avatar
    Giuseppe Crova

    Si comprende poco. E’ disponibile una cartina?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *