Home / BLOG / CHIVASSO. Massimiliano Modena e le sue foto che “parlano”
Massimiliano Modena nel suo studio fotografico di Via Platis 1

CHIVASSO. Massimiliano Modena e le sue foto che “parlano”

La fotografia è il grande amore della mia vita. Sono specializzato, in particolare, in reportage di matrimoni. Fotografo matrimoni perché mi piace raccontare delle storie”. Massimiliano Modena, a Chivasso, non ha bisogno di presentazioni. Lo conoscono tutti. Per i suoi lavori e la sua arte.


Modena nasce il 22 ottobre 1969 a Casale Monferrato da papà Luciano e mamma Marisa. Ben presto approda a Chivasso con la famiglia e il fratello Alessandro, dove tutt’ora vive e dove ha il suo studio fotografico, in via Platis 1.


Della sua infanzia racconta di essere stato un bimbo tranquillo, a cui piaceva disegnare i cavalli. La passione per la fotografia arriva intorno ai dieci anni, quando il papà compra una macchina fotografica per fare foto alla famiglia. Crescendo, si appassiona anche al tennis e all’atletica leggera. Suona il basso. Da piccolo non pensava ancora di fare il fotografo, sognava di fare il pilota… ma il suo estro artistico lo avrebbe presto portato a diventare ciò che è oggi.


Sono single – si racconta -. Non mi piace il calcio, non amo la montagna, ma l’acqua del mare. Adoro i fiumi e i loro affluenti. Sono un curioso e un osservatore, anche se poi mi fido molto della pancia. Una cuspide Bilancia a cavallo con lo Scorpione ascendente Leone. Un fotografo di persone da sempre, perché questo è quello che, alla fine, mi interessa – spiega Massimiliano Modena -. Mi piace fotografare le persone nella loro normalità. Mi ispiro ai fotografi documentaristi, ai grandi ritrattisti. Porto sempre con me la fotocamera, che può essere anche quella del cellulare”.


Dopo le medie si iscrive all’ “Istituto Bodoni” di Torino con indirizzo fotografia. Si diploma in Arti Fotografiche. Negli anni della gioventù diventa il “fotografo ufficiale” della compagnia di amici, che lo soprannominano “Flash”. Si iscrive alla Facoltà di Architettura e nel mentre fa da assistente in vari studi fotografici, per poi aprire, nel 1999, il suo studio a Chivasso. Ha fatto anche diversi corsi di specializzazione in Italia e all’ estero. Massimiliano Modena è un fotografo che ha vissuto nel pieno il passaggio dalle foto analogiche a quelle digitali, e ha ampia conoscenza di entrambe.


Oggi i cellulari hanno fatto diventare la fotografia di tutti e di massa, si tratta di una rivoluzione enorme. Ma il lavoro di un fotografo professionista resta altro, ci sono tanto studio e tanta pratica dietro un ‘click’: non è tutto facile come si potrebbe pensare” afferma Modena.


I reportage matrimoniali del fotografo chivassese sono colmi di emozioni, di vita e di momenti autentici, perché lui li vuole così. “Quando fotografo gli sposi vorrei che passasse una storia vera e non costruita. Voglio di più delle classiche foto in posa che rubano spazio alla dinamicità del giorno del matrimonio. Le immagini spontanee permettono di catturare ogni singola sfumatura e ogni singola emozione nella storia della vita degli sposi, lacrime di commozione e sorrisi. Questo richiede da parte mia un altissimo livello di concentrazione. I protagonisti non sono solo gli sposi, ma anche gli invitati” spiega.


Massimiliano Modena, però, non si limita a questo: la sua mente è sempre alla scoperta di qualcosa di nuovo ed innovativo. “Mi impegno a fare ricerca, non potrei mai rimanere un giorno senza un foglio per poter abbozzare una mia idea progettuale. Da qualche anno la mia ricerca, ad esempio, si è concentrata sull’elemento dell’acqua e sulla figura femminile. Quando mi immergo per le mie fotografie subacquee è un viaggio in apnea che mi permette di vedere le cose da un’altra prospettiva. Mi servo dell’acqua come se fosse una tela, per dipingere un percorso di ritorno a quando eravamo immersi nel liquido amniotico, all’interno del grembo materno. Con questi scatti voglio far emergere la simbiosi fra corpo e acqua” racconta.


Un fotografo creativo, sia che si tratti di foto di bambini, che di moda, che di matrimoni che di qualsiasi altro ambito. Un artista che racconta storie attraverso le immagini, e non immagini qualsiasi, banali o scontate… immagini uniche che hanno molto da dire. Perchè, alla fine, la fotografia serve per condividere, comunicare, esprimersi, divertirsi, ricordare, imparare e far conosce cose nuove… e questo è ciò che fa Massimiliano Modena.

Commenti

Blogger: Alessandra Sgura

Alessandra Sgura
Conosciamoli meglio

Leggi anche

IVREA. Si ripete ‘Natale sicuro’ contro furti e truffe

La polizia di Ivrea riproporrà nel corso delle festività natalizie il progetto ‘Natale sicuro’: un …

SAN MAURO. Trasporti: Bus Company inaugura hub

Bus Company, operatore del trasporto pubblico regionale, che gestisce alcune tratte internazionali attraverso la piattaforma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *