Home / Home / CHIVASSO. La Voce dei Venti inaugura a Palazzo Einaudi

CHIVASSO. La Voce dei Venti inaugura a Palazzo Einaudi

L’associazione artistica “La voce dei venti”, sabato scorso, ha inaugurato la sua mostra presso la Galleria Cosola di Palazzo Einaudi di Lungo Piazza d’Armi 6.   

Una mostra dal titolo “Tutta colpa dei colori”, che vede esposte opere pittoriche, sculture e fotografie.  Notevole successo di pubblico per questa inaugurazione e molti apprezzamenti fatti alle opere in mostra. Fra i presenti l’assessore Regionale Giovanna Pentenero, l’assessore Comunale Tiziana Siragusa e il Consigliere Comunale Giovanni Scinica. Protagonisti indiscussi gli artisti:  Alberti Osvaldo, Bellio Lucia, Bertolini Paola, Borca Giorgio, Borca Maria, Bretz Gabriella, Cairo Nicolino, Carrer Adriano, Cattani Agnese, Cilia Antonella, De Michiel M. Rosa, De Siena Sara, Del Grosso Claudia Maria, Ducato Giorgio, Effarotti Giuliana, Emanuel Daniela, Fenoglio Albertina, Ferrero Lucia, Ghiglia Chiara, Ghiglia Mirella, Korkis Elena, Lust Massimo, Madeddu Maura, Marcarelli Marco, Marchese Antonietta, Marinaro Francesco, Martinello Marisa, Martinetti Claudia, Montanaro Luciana, Morei Giulia, Morello Graziella, Natalello Marianna, Novello Francesca, Oddoni Pierclaudio, Pollastro M. Cristina, Razza Giuseppe, Santipolo Monica, Teja Sergio, Tietto M. Teresa, Tordin Flavia,Trolese Olga, Vita Delia, Zannol Piero, Alessandra Sgura, Stella Sottile, Angela Pansini ed Ermanno Mantelli.

Questa mostra vuole essere anche un momento di espressione solidale. Al suo interno è presente il progetto “Kintsugi – Le cicatrici d’oro”, un progetto pro bono di Antonella Cilia. La fotografa ha ritratto alcuni soggetti che per tumori o altri traumi fisici hanno il corpo segnato da cicatrici e queste cicatrici sono state dipinte d’ oro da Sara De Siena. Questo per  mettere in evidenza come anche una cicatrice può essere il punto di partenza per una rinascita, come dalla sofferenza possa nascere una grande forza, secondo l’idea giapponese che un vaso rotto non viene buttato, ma la crepa viene messa in evidenza con dell’ oro e il vaso diventa ancora più unico e prezioso di quanto non lo fosse prima.

La mostra resterà aperta dal 18 maggio al 1 giugno con orario 10 -19 e in questo periodo, durante alcuni pomeriggi, diversi artisti si alterneranno in performance di vario genere. Venerdì 24 alle 17, “Vanilla Images” terrà un workshop gratuito per genitori che vogliono imparare a fotografare bene i propri figli anche col cellulare (prenotazione obbligatoria 3396677589). Sabato 25, alle 16, Sara De Siena, proporrà olio su tela materica. Domenica 26, alle 15 Maura Madeddu e Albertina Fenoglio faranno una dimostrazione di soft pastels. Lunedì 27, alle 16 Piero Zannol sarà presente coi suoi “Paesaggi infiniti” e sabato 1 giugno alle 15  Maria Cristina Pollastro e Monica Santipolo si esibiranno in un modellato d’argilla.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Polizia stradale

NOVARA:Camionista ubriaco su autostrada Milano-Torino, denunciato

Un autoarticolato che procedeva a zigzag fra le corsie sull’autostrada Milano-Torino è stato bloccato dalla …

TORINO: Campo nomadi trovata carta da parati rubata per 70 mila euro

Nel corso di un consueto controllo nei campi nomadi a Torino la polizia municipale ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *