Home / BLOG / CHIVASSO. La centrale elettrica aumenta la potenza, il Comune tace
Centrale termoelettrica Chivasso
Centrale termoelettrica a ciclo combinato di Chivasso

CHIVASSO. La centrale elettrica aumenta la potenza, il Comune tace

E’ fuori di sé Paolo Zandarin di Terrasana, l’associazione chivassese che più si è battuta in questi anni a difesa dell’ambiente. Ha appena scoperto che il 5 agosto scadono i termini per la presentazione delle “osservazioni” dei cittadini al progetto di aumento della potenza della centrale elettrica Gencogas, ex Edipower.

Il fatto è che la società Gencogas (del gruppo milanese A2A) ha presentato il progetto il 17 giugno. Lo ha mandato al Ministero dell’Ambiente, che dovrà rilasciare l’autorizzazione definitiva, e al Comune di Chivasso. Quindi il Comune era a conoscenza del progetto da un mese e mezzo e non ha informato la popolazione. Il progetto era pubblicato nel sito del Ministero dell’Ambiente, ma nel sito del Comune non c’è nulla. Per un mese e mezzo a Palazzo Santa Chiara le bocche sono state ben cucite. Eppure il sindaco Claudio Castello e l’assessore all’ambiente Pasquale Centin, entrambi amministratori di lungo corso, sanno bene che i cittadini, tutti i cittadini, hanno il diritto di presentare delle “osservazioni” a progetti che in un modo o nell’altro riguardano l’ambiente. Pubblicare un piccolo comunicato sul sito del Comune sarebbe stato un gesto di trasparenza e di lealtà.

Non siamo ancora in grado di dare un meditato giudizio sul progetto. Magari è magnifico: a fronte di un modesto aumento di potenza (di circa 59 MWe, passando dagli attuali 777 MWe a 836 MWe – +7,6% rispetto alla potenza attuale delle due turbine a gas del modulo 1, ndr), la società promette che gli interventi ridurranno le emissioni inquinanti in atmosfera. Ma il punto è un altro: è la trasparenza.

Ormai i giochi sono fatti. Il 9 luglio si è già svolta la conferenza dei servizi, che sarà l’unica, e in quella sede tutti i partecipanti hanno dichiarato che per loro non è nemmeno necessario eseguire la VIA, cioè la Valutazione di Impatto Ambientale.

Il Comune di Chivasso era stato molto rapido nell’esaminare il progetto: già il 3 luglio aveva mandato al Ministero il proprio “parere favorevole”. Portandosi addirittura avanti col lavoro. Infatti nella conferenza dei servizi i partecipanti dovevano dichiarare se ritenevano utile o necessaria la VIA. Il Comune di Chivasso invece, di corsa, si è già dichiarato favorevole al progetto…

Anche per Città Metropolitana, Arpa e Parco del Po la VIA non serve, perché l’intervento non modificherebbe sostanzialmente le condizioni dell’ambiente. E’ quindi prevedibile che a giorni il Ministero rilascerà l’Autorizzazione Integrata Ambientale con relative prescrizioni.

Paolo Zandarin ritiene invece che la VIA sarebbe più che necessaria, considerate le condizioni dell’ambiente a Chivasso. Anzi, sarebbe necessaria anche una Valutazione dell’Impatto sulla Salute. E sarebbe stato opportuno coinvolgere i Comuni della collina, come Castagneto. Per queste ragioni il leader di Terrasana chiede che il procedimento venga sospeso per dare il tempo ai chivassesi di studiare il progetto e di pronunciarsi.

Commenti

Blogger: Piero Meaglia

Piero Meaglia
Rosso relativo

Leggi anche

CRESCENTINO. Investito e ucciso un ciclista sulla strada per Lamporo

Incidente mortale questa mattina, sabato 7 dicembre, poco dopo le 11, sulla strada che collega …

FIDASAUGURI!

FIDASAUGURI! Caro donatore/donatrice, il Direttivo Fidas di Favria Ti aspetta Sabato 14 dicembre 2019 dalle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *