Home / BLOG / CHIVASSO. La centrale aumenta la potenza. Qual è l’impatto sulla salute?

CHIVASSO. La centrale aumenta la potenza. Qual è l’impatto sulla salute?

Com’è noto, il 7 giugno, il gestore della Centrale A2A gencogas, ex Edipower, di Chivasso ha presentato una richiesta di potenziamento delle turbine del modulo 1 della centrale stessa. In particolare, come detto nello studio preliminare ambientale presentato dalla società, si tratta della “sostituzione delle attuali parti calde delle 2 Turbine a Gas relative al Modulo 1 (TG12 e TG13), che consentirà di migliorare l’efficienza e le prestazioni ambientali dell’intera installazione”. “Gli interventi programmati – dice sempre lo studio preliminare – sono assimilabili ad una normale manutenzione”. Per questo, nell’iter di approvazione da parte della Città Metropolitana, è stato escluso, dal Comune, dalla Regione e dal Ministero per i Beni Culturali, l’assoggettamento del progetto alla fase di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). La decisione definitiva spetta però al Ministero per l’ambiente.

Sei arrivato fin qui

Oramai un numero sempre più grande di cittadini si informa attraverso la rete, senza dover pagare nulla. La verità è che fare informazione e farla bene, essere liberi e indipendenti, ha un costo e non sempre della “rete” ci si può fidare. Se ci leggi e ti piace quello che noi scriviamo puoi aiutarci a continuare a fare il nostro lavoro per il prezzo di un caffè alla settimana. E se credi che l’informazioni sia anche uno strumento di libertà puoi aiutarci come “sostenitore” abbonandoti a “La Voce Più”.

Infinitamente grazie,
Liborio La Mattina
Direttore Responsabile La Voce

Blogger: Domenico Cena

Domenico Cena
"Doc"

Leggi anche

TORINO. Assemblea dei soci di Ativa, Città Metropolitana “assente”, Ivrea si astiene

All’assemblea dei soci di Ativa, riunitasi venerdì scorso nella sede di strada Cebrosa a Torino, …

IVREA. Lettera ai consiglieri di maggioranza

Cari colleghi, ricorderete certamente il periodo della campagna elettorale quando la vostra compagine si proponeva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *