Home / BLOG / CHIVASSO. La Castelrossese compie trent’anni
la maglia storica di arredamenti cazzamani Il presidente mostra la maglia della squadra “La Castelrossese” in cui sono raffigurate tutte le tappe della società, nata trent’anni fa. Sotto la prima uscita ad Arenzano, in Liguria, e Pier Giorgio Cazzamani in bicicletta. Con la bella stagione il castelrossese sale almeno una volta a settimana a Cocconato o a Cinzano

CHIVASSO. La Castelrossese compie trent’anni

Vai Girardengo, vai grande campione, nessuno ti segue su quello stradone. Vai Girardengo, non si vede più Sante. E’ dietro a quella curva, è sempre più distante…”.

Come canta Francesco De Gregori, da sempre Pier Giorgio Cazzamani inforca la sua bicicletta per salire e scendere dalle colline del chivassese. E non solo.

L’ultima è una “Colnago”. E l’ultimo giro l’ha fatto l’altro giorno: la sua Castelrosso, Saluggia, Rondissone, Mazzè, Chivasso.

Pier Giorgio Cazzamani è un ciclista chivassese d’eccezione. A 86 anni, un giorno sì e l’altro pure si fa i suoi quaranta chilometri belli belli in bicicletta per mantenersi in forma.

Non ho nè male alle gambe, nè alla schiena – racconta -. Anzi, devo dire che mi sento meglio quando vado in bici…”.

L’elisir di lunga vita l’ha scoperto con la sua squadra. Trent’anni fa, insieme al compianto parroco della frazione, don Nicolino Averono, ha fondato la “Casa della Gioventù – Arredamenti Cazzamani”. “Sono il fondatore, sponsor e presidente da sempre – sorride, soddisfatto -. Negli anni la società è diventata ‘La Castelrossese’ di Arredamenti Cazzamani: a fine anni ottanta eravamo un bel gruppo di cinquanta persone. Abbiamo fatto Gran Fondo un po’ ovunque, in Italia e in Europa. I giri più belli sono stati a Lourdes, nel 1991: 1.200 chilometri, da Castelrosso, percorsi in cinque giorni. Oppure Amsterdam, nel 1992, Santiago di Compostela, nel 1993. Ma anche Parigi, Vienna, il Trentino… Siamo stati ovunque si potesse arrivare in bicicletta”.

Domenica 10 dicembre i ciclisti della “Castelrossese” si ritroveranno a pranzo alla Trattoria Italia di Casalborgone per brindare insieme ai primi trent’anni della società presieduta da Cazzamani.

Ci saranno tutti gli iscritti, compresi i famigliari.

Prima andremo a Messa a Castelrosso per ricordare chi è andato avanti – spiega il presidente -, poi tutti a tavola”. Sarà una bella festa, per questi chivassesi cui l’età non ha smorzato l’entusiasmo per lo sport. Il più in là con gli anni del gruppo non è infatti Cazzamani. Mario Proietti, 89 anni, di Chivasso è il “record man” della società. “Ma lui ormai va forte solo più in pianura”, sorride e scherza Cazzamani. Evviva la Castelrossese e il suo straordinario elisir!

Commenti

Blogger: Emiliano Rozzino

Emiliano Rozzino
Libero di...

Leggi anche

SAN MAURO. Al Gobetti “Passeggiando per i… centri”

Mercoledì 4 dicembre 2019, presso il Gobetti si è svolto l’evento benefico “Passeggiando per i …

SAN MAURO. Pranzo del Sea con gli alpini

Il S.E.A. (Servizio Emergenza Anziani) sabato scorso ha festeggiato il Natale con un pranzo, che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *