Home / Torino e Provincia / Chivasso / CHIVASSO. Il parcheggio dell’ospedale non è un posto sicuro!

CHIVASSO. Il parcheggio dell’ospedale non è un posto sicuro!

Il nuovo parcheggio dell’ospedale di Chivasso non è sicuro. Lo denuncia il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, per bocca del segretario territoriale Giuseppe Summa.

La sera il parcheggio è popolato da estranei che rigano e danneggiano le auto posteggiate, nonostante la presenza di videosorveglianza – denuncia -. Non dobbiamo dimenticare che buona parte del personale sanitario, è di sesso femminile. Abbiamo chiesto alla ditta Gestopark per mezzo dei vertici dell’Asl To 4 maggiore sicurezza e soprattutto che ai dipendenti con regolare abbonamento, venga garantita quantomeno la possibilità di sostare al piano superiore a costo zero, qualora quello dedicato fosse pieno”.

Il sindacato infatti punta il dito su un’altra criticità relativa alla gestione del parcheggio dell’ospedale da parte della ditta esterna Gestopark.

“Ci troviamo – dichiara Giuseppe Summa – a dover segnalare delle anomalie rispetto l’assegnazione di posti auto corrispondenti al numero di abbonamenti venduti. Nello specifico dal 17 ottobre scorso, sovente la sbarra in uscita risulta aperta e ciò significa, che chi non ha fatto l’abbonamento, può comunque godere gratis del parcheggio, poiché all’uscita non viene chiamato a versare il costo del ticket di sosta. Nei giorni passati , si è verificato più volte che il parcheggio fosse pieno, e i dipendenti con regolare abbonamento, fossero rispediti a parcheggiare esternamente per mancanza di posti. Una situazione inaccettabile!”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

QUINCINETTO. Frana sulla A5: presentata la nuova viabilità alternativa

La nuova procedura di viabilità alternativa, predisposta dalla Protezione civile della Valle d’Aosta e relativa …

CHIVASSO. Marcella Carra: “Non ho permesso alla malattia di impedirmi di vivere la mia vita e di farmi sentire diversa dagli altri”

Una donna forte, Quella che ci siamo trovati davanti. Si tratta di Marcella Carra, una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *