Home / Torino e Provincia / Chivasso / CHIVASSO. Effetto Covid, caffè a 1,20 euro?
Caffè
Caffè

CHIVASSO. Effetto Covid, caffè a 1,20 euro?

A suonare la carica, nei giorni in cui nelle grandi città il prezzo del caffè sta schizzando a 1,30 euro e perfino a 2 euro, come nel centro di Milano, è Federica Gallina del bar pasticceria Piccoli.
“Abbiamo riaperto subito quando ci è stata data la possibilità del take away, ma sono tre settimane che il caffè lo sto praticamente regalando. Tra il costo dei dispositivi di sicurezza, i disinfettanti, i bicchierini di carta, le palettine, vendere il caffè ad 1,10 euro è una follia. 
La nostra, inoltra è una miscela di caffè pregiati che tostiamo noi stessi. Un prodotto di altissima qualità”.
L’aumento, insomma, è già deciso.
Ho lanciato a tutti la proposta di portare l’espresso al prezzo di 1,20 euro – racconta – ma so già che mettere d’accordo l’intera categoria sarà impossibile”.
E basta farsi un giro per la centralissima via Torino per capire che il sospetto è più che fondato.
La maggior parte dei bar del centro storico non è disposta a schiodarsi.
Qui, sorseggiare un espresso al bancone costa 1,10 euro. E nessuno, o quasi, ha intenzione di cambiare.
A dire un “no” deciso è Franco Ortalda, dello storico caffè Bonfante: “Non ho alcuna intenzione di aumentare i prezzi, neppure quello del caffè”.
Anche Michela Donetti, del Bar del Cedro, all’interno della Quintana, è contraria: “Non è giusto, proprio in questo momento, far ricadere i costi suoi clienti. E’ dura per tutti. Un aumento, anche piccolo, è un tradimento verso i clienti che continuano a darci fiducia”.
Giuseppe Sartori, del bar Dom’s manterrà il prezzo della tazzina al bancone a 1,10 euro, ma ritoccherà il listino dei prezzi per le consumazioni al tavolo: “Il tema è caldo e questo aumento sta facendo discutere molto. 
Per anni il prezzo della tazzina di caffè è stato legato a quello dei quotidiani. Quando aumentavano i prezzi dei giornali, aumentava anche quello dell’espresso.
Da circa 15 anni questo meccanismo si è inceppato. E’ inutile girarci intorno, un ritocco serve, ma proprio in questo momento rischia di non essere compreso, passerebbe per una speculazione. 
Per questo motivo manterremo il prezzo del caffè al banco ad 1,10 euro”.
Assolutamente contrario ad un aumento Matteo De Gruttola del Bar dello Sport: “Sarebbe assurdo un aumento proprio in questo momento. E’ vero che le spese sono tante, ma non possiamo farle ricadere sui clienti. Sono stato tra i primi a riaprire con il take away, ha significato  lavorare con il freno a mano tirato. 
Ma non ho intenzione di aumentare alcun prezzo e sono riuscito a tenere tutto il personale. Si stringono i denti e si va avanti”.
Vittoria Piperato titolare de La Fenice e del bar Posta, invece, non è contraria all’aumento: “Sì, ma a costo che la proposta venga accolta da tutti. 
Non deve essere un gioco al massacro tra di noi. Un piccolo ritocco dei prezzi sarebbe necessario. 
I costi per noi, è inutile negarlo, sono aumentati. Mascherine, disinfettanti, sono una spesa in più da sostenere tutti i mesi”.
Della stessa idea anche Tonino Piperato del bar Borsa: “Sono anch’io d’accordo ad un aumento, ma solo a patto che vada bene a tutta la categoria. Farci la guerra è inutile. 
Ben inteso, non vogliamo derubare i clienti, ma i nostri costi per garantire la sicurezza, sono aumentati e molto. 
Per questo ho preso in considerazione la proposta. Vedremo… non ho ancora deciso”.
Una cosa è chiara, se un aumento ci sarà non verrà applicato nell’immediato.
Almeno nella maggior parte dei bar del centro di Chivasso.

Commenti

Blogger: Maria Di Poppa

Maria Di Poppa
Letteralmente

Leggi anche

MONTANARO. Consegnate le borse di studio a tre studentesse

MONTANARO. Consegnate le borse di studio a tre studentesse. Si chiama talento ed è una …

FOGLIZZO. Dal Castello al Mulino Querio: mille progetti in ballo

FOGLIZZO. Dal Castello al Mulino Querio: mille progetti in ballo Il Comune di Foglizzo si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *