Home / BLOG / CHIVASSO. Ecco la verità. 10 medici malati e 36 infermieri. Chi ha visto Ardissone
coronavirus
Emergenza Coronavirus

CHIVASSO. Ecco la verità. 10 medici malati e 36 infermieri. Chi ha visto Ardissone

CORONAVIRUS. Disperazione, dramma e soprattutto morti. Si contano e si piangono. E sono tanti, molti di più di quanti indica la Protezione Civile. Capita al nosocomio di Chivasso con i suoi quattro piani occupati da malati Covid (il secondo, il quarto, il quinto e il sesto). E capita che ci sono malati ancora contagiosi ma fuori pericolo che potrebbero essere dimessi eppure restano lì perchè la Direzione Generale, quindi Lorenzo Ardissone, tutto sembra voler fare tranne che  accettare l’offerta del Comune e trasferirli in un albergo. E poi ci sono una cinquantina di pazienti al pronto soccorso che necessiterebbe di un letto che non c’è.

Risultato? Dieci medici ammalati (ma qualcuno con tampone negativo e tac positiva continua a lavorare) e la bellezza di 36 infermieri. Numeri da guerra. E non basta. Nonostante le donazioni all’Asl, mancano i dispositivi! Mancano le tute e in distribuzione c’è un vestiario che assomiglia molto ai sacchi della spazzatura.  Per questo, in silenzio, il personale ha organizzato varie raccolte per acquistare quel che serve facendo pure attenzione  a non farselo requisire (sempre dalla Direzione di cui sopra e dall’Unità di sicurezza ).

Il dramma è che fuori da qui, fuori da quest’inferno, la situazione è anche peggiore e si muore in casa aspettando un tampone che non si farà mai, nel doloro dei tanti medici di famiglia trasformatisi in necrofori.

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

FOGLIZZO. La PGS Foglizzese ha ripreso ufficialmente gli allenamenti

FOGLIZZO. La PGS Foglizzese ha ripreso ufficialmente gli allenamenti E dopo qualche mese di stop …

IVREA. Prima un “patto per la lettura” e poi “Ivrea Capitale del libro”

Lo abbiamo già scritto qualche mese fa. Fiato alle trombe e pure rullo di tamburi…. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *