Home / Eventi / Altri Eventi / CHIVASSO. E “Nuovo Cinecittà”: si riparte con Santa Maradona
Stefano accorsi, protagonista del film 'Santa Maradona'

CHIVASSO. E “Nuovo Cinecittà”: si riparte con Santa Maradona

L’ “Università della Terza Età” di Chivasso, in collaborazione con il “Circolo Arci Zeta” ha presentato la nuova rassegna cinematografica “Nuovo Cinecittà, attualmente in corso. Un totale di cinque film, tutti ambientati a Torino. Il tema prescelto è collegato agli eventi che si svolgeranno a Torino (“Città del Cinema 2020”) per celebrare il Museo del Cinema. Direttore artistico della rassegna è il professor Mario Marino.

Si è partiti con “Dopo mezzanotte” di Davide Ferrario, lo scorso 17 gennaio. A seguire sono previsti “Santa Maradona” di Marco Ponti (31 gennaio), “Un colpo all’italiana” di David Collinson (14 febbraio), “La donna della domenica” di Luigi Comencini (28 febbraio) e “Così ridevano” di Gianni Amelio” (20 marzo). Tutte opere che hanno fatto la storia del cinema.

Le proiezioni si svolgeranno al Teatrino Civico di Piazza Carlo Alberto dalla Chiesa, alle 20.30. L’iniziativa ha il Patrocinio della Città di Chivasso e vede anche l’amichevole partecipazione di “Bonfante” coi suoi ottimi dolci. Ingresso 5 euro.

Il prossimo film, “Santa Maradona”, ha come protagonista Stefano Accorsi ed è una commedia che racconta di due amici con un modo differente di affrontare la vita dopo aver terminato gli studi universitari: uno cerca disperatamente lavoro mentre l’altro sembra felice di non avere nulla da fare. Cercano l’amore e, in definitiva, di dare un senso alla loro vita.

Torino è un po’ la nostra Hollywood e il cinema è un’altra arte in cui il nostro Paese non manca certo di eccellere.

 

Commenti

Blogger: Alessandra Sgura

Alessandra Sgura
Conosciamoli meglio

Leggi anche

MONTANARO, Gli 80 anni di don Aldo Borgia

In ogni paese o città che si rispetti, il parroco da sempre ricopre un ruolo …

MONTANARO. Rinaldi spopola con “il podista con il k-way”

Il periodo di confinamento che ci ha recluso tra le quattro mura di casa, è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *