Home / Torino e Provincia / Chivasso / CHIVASSO. Coronavirus, il Comune sospende il pagamento della Tari
emergenza coronavirus, sospesa la tari
Claudio Castello, sindaco di Chivasso

CHIVASSO. Coronavirus, il Comune sospende il pagamento della Tari

In riferimento all’evoluzione della situazione legata alla diffusione del Coronavirus, il Sindaco di Chivasso Claudio Castello e l’Amministrazione comunale, nella seduta di giunta di ieri (5 marzo 2020) ha approvato un provvedimento volto a limitare il negativo impatto economico delle misure emergenziali adottate in questi ultimi giorni al fine di limitare il diffondersi del contagio.

Il provvedimento prevede di sospendere temporaneamente, fino al 31 luglio 2020, il termine di pagamento delle due prime rate dell’acconto della Tari 2020 dovute per le utenze non domestiche, senza alcuna sanzione aggiuntiva e/o onere aggiuntivo, onde permettere alle attività commerciali ed economiche di poter superare questo momento di crisi.

Essendo già stati postalizzati gli avvisi di pagamento, le utenze non domestiche non dovranno, quindi, tener conto delle scadenze delle prime due rate indicate negli stessi avvisi (31Marzo e 31 Maggio).

L’auspicio del Sindaco Claudio Castello è che nel frattempo venga superato l’emergenza epidemiologica e, di conseguenza, cessino le relative misure preventive che stanno causando crisi di liquidità a diverse imprese che operano sul territorio del Comune di Chivasso.

Per quanto riguarda lo svolgimento di manifestazioni, eventi e spettacoli di qualsiasi natura, svolti in luogo pubblico o privato, che comportino affollamento di persone tale da non consentire la distanza di sicurezza di almeno un metro (DPCM del 4 marzo e Nota del Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Ufficio Ordine Pubblico a firma del Capo della Polizia Gabrielli in data 5 marzo 2020) le stesse sono sospese fino al 3 aprile.

A tale riguardo, il Comune di Chivasso, ha, altresì, sospeso tutte le autorizzazioni all’utilizzo dei locali e delle strutture comunali, con effetto immediato, fatta salva da parte dei soggetti fruitori, di produrre al Comune idonea documentazione che dimostri e certifichi il rispetto di tutte le disposizioni contenute nel DPCM del 4 marzo 2020.

In questi giorni si evidenzia come la vastità del fenomeno limiti fortemente l’azione delle autorità locali, per privilegiare un intervento uniforme e coordinato su tutto il territorio nazionale. Ciò nonostante il Sindaco Claudio Castello ci tiene a sottolineare che: “Seppur nella limita possibilità della mia azione, sto lavorando incessantemente con tutta la struttura comunale e con la Giunta per cercare di ridurre al minimo i disagi ai chivassesi. In questa direzione va questo primo provvedimento sulla sospensione della Tari alle utenze non domestiche e ulteriori provvedimenti che si potranno adottare per attenuare l’impatto sui cittadini e sulle attività produttive locali”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

MONTEU. Giunta tutta rosa, il TAR respinge il ricorso di Boraso

A fronte del ricorso presentato dal consigliere di minoranza Alexander Boraso, in merito alla presunta …

SETTIMO. Giorno Memoria, Segre: “Rinsaldare legame civile e morale”

“Senza memoria è impossibile una cittadinanza consapevole e pienamente democratica. Spero che il Giorno della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *