Home / BLOG / CHIVASSO. Castello e le azioni a macchia di leopardo…

CHIVASSO. Castello e le azioni a macchia di leopardo…

La campagna elettorale è finita da tempo, ma per il sindaco Castello il modus operandi di realizzare piccole azioni a macchia di leopardo, per cercare di creare quel micro-consenso che può tornare utile quando si vanno poi a “cercare i voti”. Pianificazioni a lungo termine?” Zero”. Piani di rilancio economico-artigianale per cecare di preservare e magari incrementare i posti di lavoro cittadini?  “Cosa? Ma veramente si può fare…?” Almeno un piano di programmazione costante delle manutenzioni, giusto per portare avanti in modo efficiente l’ordinaria manutenzione? “roba che si mangia.”

Amministrare una città di 30 mila abitanti importante coke Chivasso è una responsabilità importante, di quelle che non si possono affrontare con la leggerezza del “tanto l’importante è far contento qualcuno che poi mi dia i voti”. La politica del tentennamento, del non voler dir di no a nessuno facendo e rifacendo le stesse cose in modo da non doversi assumere il rischio di prendere una posizione, è un po’ il marchio di fabbrica che l’amministrazione Castello si sta cucendo addosso a quasi un anno dal loro insediamento. La scusa è sempre pronta per non prendere una decisione incisiva: “è colpa di quelli di prima ( ma se per metà sono sempre gli stessi..?)  non ci sono i soldi  ( ma se ne avete appena spesi una baca per fare la rotonda con i semafori ed il cortile interno…

Allora lo facciamo! Ma se ormai avete fatto un’altra opera in quel posto per accontentare chi ve l’ha chiesta? Allora la smontiamo e ne rifacciamo un ‘altra così accontentiamo anche te…).

Viene quasi da sorridere, non fosse che il conto di questo teatrino lo paghiamo poi sempre noi, con le tasse ( aumentate…) e con le multe a strascico ( raddoppiate).

Ma tutto va ben, madama la marchesa.. “non lamentatevi , perché a far le foto ed a tagliare i nastri noi veniamo”. Per il resto, vada come vada….

Commenti

Blogger: Matteo Doria

Matteo Doria
Castello di sabbia

Leggi anche

BRANDIZZO. “Troppe febbri” e il sindaco emana altre restrizioni

E’ allarmato il sindaco di Brandizzo Paolo Bodoni. Lo è da medico e da primo …

perrone

ETTORE PERRONE

Scendendo diagonalmente da Piazza Ferruccio Nazionale (Piazza di Città) verso la Dora, percorrendo Corso Cavour …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *