Home / Torino e Provincia / Chivasso / CHIVASSO. Blitz dei Nas in un bar del centro. Indagine su cibi mal conservati
In foto i carabinieri del Nas impegnati in uno dei controlli alla movida (archivio)

CHIVASSO. Blitz dei Nas in un bar del centro. Indagine su cibi mal conservati

Sequestrata merce scaduta e in cattivo stato di conservazione in un bar del centro. E, da giorni, in città non si parla d’altro.

Sotto i portici di via Torino, nei dehor all’aperto, sulle panchine in piazza Della Repubblica e in piazza d’Armi, è senza dubbio l’argomento della settimana.

“Ma cos’è successo?”. “Sapete qualcosa?”.

Tutti a domandarsi, con quei sussulti di curiosità che solo un paesone qual è Chivasso può avere, quale locale abbia ricevuto la visita dei carabinieri.

Qual è il bar dove hanno bussato e sono entrati gli uomini del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità dell’Arma?

Al momento dai carabinieri non trapela nulla, se non che dai controlli effettuati dai Nas, coordinatori dal maggiore Antonello Formichella, coadiuvati dagli uomini agli ordini del capitano Luca Giacolla – impegnati in queste settimane nelle verifiche per il rispetto delle normative anti-coronavirus -, sarebbero stati sequestrati oltre 110 chilogrammi di prodotti scaduti o comunque mal conservati.

Se sia stata sporta denuncia, questo ancora non si sa. Mentre i titolari dell’attività, una delle più frequentate da giovani e meno giovani chivassesi, professano la loro innocenza: “Non sono prodotti nostri. Si trovavano in una cantina del locale ed erano stati dimenticati dal precedente proprietario”.

Ai carabinieri i proprietari hanno anche prodotto la documentazione catastale dell’edificio che accerterebbe la loro estraneità alle eventuali contestazioni che potrebbero venirgli mosse al termine delle indagini.

Siamo con la coscienza a posto”, fanno sapere.

Il bar non è stato chiuso e al momento non è stato elevato alcun verbale.

I Nas, però, dopo il blitz del 21 agosto scorso, potrebbero ritornare nuovamente in città.

I controlli per il rispetto delle misure anti-covid si sono intensificati un po’ in tutta la provincia di Torino.

Sotto la lente di ingrandimento, ristoranti, pizzerie e bar.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Ospedale di Settimo tutto per il Covid. La Regione chiede di utilizzare anche il Fenoglio

Quasi 500 contagi, 15 classi in quarantena alle scuole superiori (è bene ricordare che parliamo …

giuseppe summa, nursind

Subito assunzioni negli ospedali dell’Asl To4. Lo chiede il Nursind

“Subito assunzioni! La macchina burocratica non può rallentare lo scorrimento delle chiamate dalla mobilità infermieri”. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *