Home / Torino e Provincia / Chivasso / CHIVASSO. Asl e Rotary insieme per l’ictus cerebrale
Chivasso
Un momento dell'incontro organizzato dal Rotary

CHIVASSO. Asl e Rotary insieme per l’ictus cerebrale

Giovedì 16 ottobre si è svolto, al ristorante “I Cacciatori” di frazione Rolandini di Verolengo, un incontro organizzato dal Rotary Club di Chivasso, presieduto da Mario Fatibene, in interclub con il club Settimo Torinese presieduto da Giuseppe Corrarello. Al presidente chivassese sono toccati gli onori di casa. Presenti il Direttore Generale dell’Asl To 4, Flavio Boraso, l’assessore regionale Gianna Pentenero, il sindaco di Chivasso Libero Ciuffreda e l’assessore comunale di Settimo Torinese Rosa Catenaccio. Obiettivo della serata: presentare la collaborazione tra l’azienda sanitaria e i Rotary Club per sensibilizzare i cittadini sull’ictus cerebrale ischemico. Collaborazione che si è tradotta nella realizzazione di un pieghevole informativo, da distribuire alla comunità attraverso i medici di famiglia e le farmacie. Il pieghevole è stato elaborato a cura delle strutture di Neurologia di Chivasso e Ivrea, dirette dal dottor Claudio Geda, e i Rotary Club di Chivasso, Ivrea e Settimo Torinese ne hanno finanziato la produzione. “Ancora una volta i Rotary del nostro territorio hanno espresso una vicinanza sensibile e generosa nei confronti dell’Azienda – ha dichiarato il Direttore Asl Flavio Boraso –, supportandoci in un’importante iniziativa di informazione nei confronti dei nostri cittadini”. “Vicinanza – aggiunge – che ci gratifica, perché testimonia il riconoscimento della credibilità e dell’affidabilità dell’Azienda, e della professionalità e dell’impegno dei nostri operatori”. “Questa campagna – ha spiegato Geda – ci permette di sensibilizzare i cittadini sul fatto che sia possibile trattare l’ictus cerebrale ischemico, in fase acuta, con terapia trombolitica. Si tratta di una terapia che è effettuata nei Pronto Soccorso della nostra Azienda in regime di emergenza, con risultati apprezzabili in termini di riduzione delle complicanze, rappresentate dalla disabilità e, a volte, purtroppo, dalla morte. Ma questa terapia è efficace soltanto se si giunge in Pronto Soccorso entro le quattro ore dall’inizio dei sintomi. Per questo, i nostri cittadini devono acquisire una migliore conoscenza dei sintomi che caratterizzano l’ictus cerebrale ischemico. Sintomi che sono descritti in alcune vignette riportate sul pieghevole”. Il pieghevole informativo è stato elaborato anche in occasione della Giornata Mondiale contro l’ictus cerebrale, che si svolgerà mercoledì 29 ottobre. Quest’anno l’attenzione sarà dedicata in tutto il mondo alle donne, doppiamente coinvolte, sia perché sono maggiormente colpite dalla malattia rispetto agli uomini – per elevati fattori di rischio specifici del sesso femminile, quali, per esempio, il diabete, la fibrillazione atriale, l’ipertensione e per condizioni specifiche ormonali o legate alla gestazione – sia perché l’onere del “prendersi cura” ricade prevalentemente su di loro, mogli, figlie o anche badanti.

Commenti

Blogger: Emiliano Rozzino

Emiliano Rozzino
Libero di...

Leggi anche

GASSINO. Quest’anno le luci le paga il Comune

Cambio di “politica” a Gassino, quest’anno, per quanto riguarda le luci di natale, montate proprio …

SAN RAFFALE. 300 mila euro di interventi per la città di cui 136mila euro per la manutenzione straordinaria

Nel consiglio comunale di venerdì, l’amministrazione, ha predisposto una serie di interventi per la città. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *