Home / Torino e Provincia / Chiaverano / CHIAVERANO. Polemiche sul Fiorentini’s festival
il sindaco Maurzio Fiorentini
Il Sindaco Maurizio Fiorentini

CHIAVERANO. Polemiche sul Fiorentini’s festival

Egr. Sig. Direttore Liborio La Mattina.

In riferimento all’articolo pubblicato su La Voce del Canavese del 6 Luglio 2015 a firma Annalisa Thielke e dal titolo “Polemiche sul Fiorentini’s Festival” mi preme correggere alcuni grossolani errori dovuti alla facilità con la quale la Vostra collaboratrice utilizza informazioni trovate su Facebook anzichè chiederle presso chi, in questo caso il Comune, poteva fornirle in modo ufficiale e dimostrabile.

Prima di tutto è strumentale e falsa l’affermazione che manchino i soldi per le strade, le strisce e il semaforo rotto mentre per i Festivals si trovano soldi a go-go.

Il semaforo è stato riparato, le strisce sono state fatte e le strade vengono riparate. Quello che la vostra collaboratrice ignora è che la burocrazia impone percorsi assurdi e lunghissimi dallo stanziamento di bilancio, all’espletamento della procedura di gara, all’impegno di spesa, alla gestione della fattura elettronica per non dire del famigerato MEPA. Tutto ciò porta a tempi lunghi e tantissimo tempo perso, ma che con i Festivals nulla hanno a che fare.

Assolutamente errato dire che A Night Like This Festival costi 15.000 E al Comune in quanto la somma stanziata è la metà ed è di pubblica verificabilità. Il Comune non entra nel merito economico della manifestazione che è a carico dell’associazione, ma si limita a fornire tutto quanto riguarda gli spazi e la logistica (transenne, corrente elettrica, bagni, parte dei volontari).

E’ ancora più sbagliato indicare come un’associazione a fini di lucro l’Associazione A Night Like This di Milano la quale ha ideato e ha il compito di organizzare l’intera manifestazione. La suddetta associazione è per Statuto un’associazione culturale e no profit mentre, come dovreste sapere, le associazioni a scopo di lucro NON ESISTONO, per questi scopi il legislatore ha previsto le Società.

E, finora, di lucro non c’è stato nulla perchè basta informarsi un minimo per verificare che gli incassi non coprono le spese che l’associazione deve sostenere per organizzare il Festival e che, quindi, non potendo contare su nessuno sponsor nè pubblico nè privato, l’Associazione tira fuori di tasca propria tutti i costi dell’organizzazione (palchi, impianti audio e luci, sicurezza, venti gruppi coi loro cachet e loro ospitalità, locandine e volantini, ecc) e il cui biglietto di 10E lordi (SIAE e IVA comprese!) non copre che in minima parte.

Altra assurda interpretazione malevola e disinformata è scrivere che il Sindaco si trattiene 50 centesimi di Euro per ogni prenotazione effettuata tramite il sito Levior.

Chiunque utilizzi Internet sa che i pagamenti effettuati con carta di credito e Paypal non sono gratis ma prevedono un costo fisso di 0,35E più il 3,4% dell’importo pagato (in questo caso 0,18E che sommati a 0,35 fanno un totale di 0,53E). I 50 centesimi, quindi, non bastano neppure a coprire i costi del circuito di pagamento.

Sbagliato poi affermare che si chiude il paese. Negli anni scorsi c’era il divieto di transito ai soli NON residenti per cui i chiaveranesi non avevano problemi a transitare. Quest’anno vengono chiusi solamente un tratto di Via Montalto ed un tratto di Corso Carlo Zuffo mentre tutte le altre strade sono transitabili normalmente per tutti.

E’ dannoso alzare nuovamente i toni delle polemiche, come gia’ accaduto in passato, contro un evento che porta solo pubblicità al nostro paese (vedi anche solo le decine di siti in tutta Italia, anche di rilevanza nazionale, che ne parlano), un pubblico giovane e ben educato e rende giustizia alla bellezza e serenità del nostro territorio. Tale dovrebbe restare senza inutili e strumentali polemiche di parte.

Per finire una amara considerazione. Spiace vedere che per quanto si faccia, nell’ottica di portare benefici al territorio per mantenerlo vivo e per attrarre interesse, c’è sempre chi pensa solo a distruggere e a criticare cercando sempre il marcio in ogni cosa senza mai proporre alternative valide. Pazienza, le ultime elezioni hanno dato un risultato chiarissimo per cui andiamo avanti per nostra strada.

Distinti saluti.

Il Sindaco di Chiaverano

Maurizio Fiorentini

 

 

Solo un paio di appunti. 

Come lei ha peraltro accennato, la polemica, prima ancora che sul giornale, si è accesa su facebook, e facebook rappresenta, non solo in teoria, ma proprio nella pratica, una cassa di risonanza sicuramente più potente di un qualsiasi giornale locale.  E’ lì che si fa cenno al semaforo rotto ed alle strade. Ed è lì che i cittadini hanno espresso una opinione.

Il fatto che Annalisa Thielke l’abbia ripresa significa solo che ha a cuore la sensibilità di tutti i cittadini, anche quelli contrari all’operato di un’amministrazione comunale. 

Poi è vero che un sindaco può tenerne conto oppure no, così come è vero che è in questo che si misura la profondità di una democrazia.

Altro discorso sulle feste. 

In Canavese ce ne sono di belle, meno belle, brutte e bruttissime. 

Diciamo che ce ne sono tante, forse anche un po’ troppe. Alcune sono dei doppioni, altre non rappresentano alcunchè, altre ancora, infine, non trovano radici nella storia, nel volontariato e nel comune sentire. 

E mi spiego meglio.

San Savino di Ivrea può piacere o no, ma rappresenta un fatto che si tramanda da generazione in generazione. 

Possiamo poi anche metterci qui a disutere se sia troppo fracassone l’Arff festival, ma la sua costruzione è talmente ricca di giovani del posto, che ogni commento sarebbe fuori luogo. 

E poi c’è “A night like this festival” organizzato da una associazione di Milano. E’ lecito supporre che a qualcuno possa non star bene? Io credo di sì! 

Fossero anche due euro di soldi pubblici spesi per organizzarlo, dobbiamo accettare – e lei per primo – che ci sia intorno qualcuno a cui non piace. E questo a prescindere dal successo o meno della manifestazione, che per far turismo ci va ben altro, non certo i centomila campanili di un centinaio di comuni sparpagliati a nord di Torino, in guerra tra loro per chi fa meglio il salsicciotto con crauti più buono del mondo.

Liborio La Mattina

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

Caccia: domenica inizia la strage di fauna selvatica

Domenica 20 settembre inizierà la strage della fauna selvatica, fortemente voluta dalla Giunta guidata da …

il sindaco Maurzio Fiorentini

CHIAVERANO. Caos sull’autobus per le scuole Medie, il sindaco minaccia multe

Caos sull’autobus per le scuole medie. Ad intervenire è il sindaco, Maurizio Fiorentini, che ri-detta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *