Home / Torino e Provincia / Chiaverano / CHIAVERANO. Nascono due associazioni sportive. Caos in paese
Sul paese svetta il campanile della Chiesa Parrocchiale

CHIAVERANO. Nascono due associazioni sportive. Caos in paese

E adesso, come ironizza qualcuno sulla pagina facebook “Sei di Chiaverano se…”, potrebbe capitare che a Chiaverano aprano 7 associazioni del carnevale, 12 associazioni dei tomineri, 32 associazioni per la promozione del rosmarino e ben 87 associazioni fotografiche… Stiamo esagerando, naturalmente, ma senz’altro quanto sta accadendo in queste settimane in paese sta lasciando piuttosto basita la popolazione. Un mesetto fa si è costituita dal niente un’associazione Polisportiva, composta da giovani e genitori, presieduta da Fabio Tonelli. Poi, all’inizio del mese, si scopre che se n’è costituita un’altra, in questo caso diretta da Marco Eusebio, che già gestisce i campi da tennis. Al caos si aggiunge il bando, pubblicato il 6 aprile sul sito internet ufficiale dal comune, per l’affidamento degli impianti sportivi, in quanto entrambe le associazioni han presentato richiesta di poter usare gli impianti. Ad aumentare la rivalità, il fatto che in base alle condizioni di gara potrà essere solo una delle due a vincere. In palio c’è la gestione del campo da gioco per il calcio a squadre di otto giocatori, il campo da tennis in terra rossa, il campo da pallavolo in erba, il campo per il gioco delle bocce e gli spogliatoi posti al piano terra dell’edificio comunale. Impianti in pieno centro, a due passi da piazza Ombre, che avrebbero bisogno di una bella rinfrescata e di essere sfruttati meglio, ad oggi gestiti dalla Pro Loco, la quale deve consegnare al comune il 25 per cento degli incassi (Eusebio si occupa difatti del tennis in qualità di socio dell’associazione di promozione turistica). In cambio, sempre secondo il bando, dovrà essere garantita la manutenzione del verde. Cambiano anche i termini economici: il vincitore dovrà corrispondere non più una percentuale ma l’affitto di 1650 euro oltre iva mentre resteranno a carico del comunale utenze. Chi se li aggiudicherà? Si saprà l’11 maggio, quando verrà espletata la gara. Ma intanto la competizione è elevata in questi giorni e i componenti della polisportiva han cercato di contattare Eusebio per tentare una quadra. Senza successo, finora. C’è un mese di tempo per provare a calmare gli animi e a cercare di arrivare ad una collaborazione e non ad uno scontro. In tutto questo il comune, anziché enfatizzare le divisioni e favorire un clima di belligeranza, dovrebbe trovare il modo di convocare le associazioni ad un tavolo. Si aggiunge un’ulteriore nodo: il bando prevede che la gestione duri un anno. Con la conseguenza che l’aggiudicatario non potrà ragionare e progettare per un periodo medio lungo.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Massimiliano Modena e le sue foto che “parlano”

“La fotografia è il grande amore della mia vita. Sono specializzato, in particolare, in reportage …

CAREMA. Un malore improvviso strappa alla vita l’ex sindaco Giovanni Aldigheri

Aveva 67 anni anni il vicesindaco Giovanni Aldigheri e nulla che facesse presagire la tragedia. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *