Home / Torino e Provincia / Chiaverano / CHIAVERANO. Cittadini prigionieri nelle abitazioni
Maurizio Fiorentini
Il Sindaco Maurizio Fiorentini

CHIAVERANO. Cittadini prigionieri nelle abitazioni

I lavori di pulizia dei tombini lungo via Andrate hanno sollevato le polemiche da parte di un cittadino. I lavori si sono svolti lunedì 23 ottobre: “I cittadini di Via Andrate sono prigionieri nelle proprie abitazioni perché dopo sette anni di amministrazione e ripetute proteste finalmente si sono decisi a pulire i tombini e le caditoie. Meglio tardi che mai… Peccato che si sono dimenticati di avvisare i cittadini residenti in quelle vie. Risultato? Strade chiuse e chi se ne frega delle esigenze dei cittadini. La cosa grave è che l’ordinanza della Città Metropolitana di Torino, proprietaria della strada, ha emesso ordinanza di chiusura il giorno 16 ottobre 2017. Il nostro sindaco avvisa i cittadini questa mattina alle ore 9,14 tramite news sul sito del comune quando la strada è stata chiusa alle 8,30”.

Puntuale la risposta del sindaco Maurizio Fiorentini: “Il cittadino ha ragione a lamentarsi ma il suo sfogo non tiene conto dei tempi tecnici. Quella via è Provinciale e l’autorizzazione da parte della Città Metropolitana è arrivata in Municipio solo venerdì 20, due giorni prima di eseguire i lavori. La news letter ai cittadini l’abbiamo inviata lunedì mattina. Abbiamo scritto anche l’annuncio sul sito internet. Ma c’è di più. Lunedì mattina, durante le quattro ore di chiusura della strada, è stata posizionata la segnaletica e sono state indicate anche le vie alternative segnalate dal vigile e dal vice sindaco. Non è vero che i cittadini sono rimasti chiusi casa”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

VENARIA. Polo sanitario: il sit-in di protesta sotto Palazzo Civico è un mezzo flop

Una sessantina di persone. Quasi tutte addette ai lavori. Sindacalisti, esponenti dei partiti politici che …

DRUENTO. Ciao “Berto”, l’ultimo partigiano

“Appena mi hanno visto mi hanno sparato. Mi hanno spaccato le braccia. Quello sinistro era …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *