Home / BLOG / Certi giorni.

Certi giorni.

Certi giorni.
Certi giorni cerco di immaginare i silenzi vasti delle campagne prima dell’industrializzazione capillare dell’Italia rurale andavano poco a poco cedendo allo strepito delle macchine, in quel secondo dopoguerra che conosceva l’affievolirsi di tanti lavori manuali. Ogni tempo ha suoi rumori e mestieri. Ma quelli durati fino a poco oltre gli anni Sessanta del Novecento, per molta parte restavano i medesimi dei secoli precedenti. Dai più lievi, come il fruscio della falce fienaia sui prati e il biascichio della filatrice alle prese con fuso e arcolaio, al clangore dei carri dalle ruote cerchiate di ferro lungo le strade bianche, al lento passo dei buoi, al sibilare dei ferri da cavallo incandescenti tuffati nell’acqua dal maniscalco, al chiocciare, tubare, grufolare, degli animali di bassa corte che impegnavano la massaia sull’aia. La natura, di tempo in tempo, aggiungeva di suo il desolante crepitio della tempesta, il chioccolio gentile della pioggerellina benefica, il soffio del vento sulle spighe silenziose se l’aria faticava a smuoverle, tanto erano turgide, strepitante annuncio di carestia se scompigliava solo paglia e fusti senza chicchi….
Favria, 12.08.2020 Giorgio Cortese

Con la dolcezza si ottiene tutto. Ma con l’ironia si conquista il mondo.

Commenti

Blogger: Giorgio Cortese

Giorgio Cortese
Vivere con ottimismo

Leggi anche

Parlapà tabaleuri!

Parlapà tabaleuri! Parla-pà, che letteralmente significa “non parlare”, ed è simile all’espressione “non mi dire”! …

Celestino Vietti: “Sono fortunato perché ho la possibilità di inseguire il mio sogno con le moto”

Celestino Vietti è nato a Ciriè nel 2001 ed è il più giovane pilota entrato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *