Home / BLOG / CASTELLAMONTE. Mazza concede in comodato gratuito una vigna in via Olivetti

CASTELLAMONTE. Mazza concede in comodato gratuito una vigna in via Olivetti

Con una delibera di giunta del 16 agosto, l’amministrazione di Castellamonte ha deciso di concedere in  comodato d’uso gratuito un’area di proprietà comunale per la realizzazione del progetto “Di terra in terra lab”. Il progetto, approvato dalla Fondazione Comunità del Canavese nell’ambito degli interventi contemplati dal bando “Diamo una mano al Canavese”, prevede l’istituzione di un laboratorio di viticoltura presso un’azienda agricola canavesana ed inserimenti lavorativi con tutoraggi specifici; un laboratorio per giovani “Neet” e percorsi di coltivazione naturale con adulti fragili da attivarsi in terreni incolti situati nel Comune di Castellamonte. I partner dell’impresa sono il Comune, il CISS 38, l’associazione di volontariato socio-assistenziale “La Tartaruga” di Cuorgnè e l’Associazione “SE.MI. Onlus” di Castellamonte: sarà quest’ultima a gestire concretamente il progetto. Il terreno in questione è situato in Via Camillo Olivetti ed ha una superficie di 1208 metri quadrati. Fa parte di una proprietà comunale più estesa, di mq 2801, individuata nel Piano Regolatore vigente come Area a Servizi Pubblici ed attualmente non  utilizzata. 

Dato che l’Associazione SE.MI. svolge, senza fini di lucro, una “meritoria ed intensa attività sociale” è possibile il ricorso al comodato gratuito, concesso tramite scrittura privata fino al 30 novembre 2018 e rinnovabile.

Commenti

Blogger: Caterina Ceresa

Caterina Ceresa
Autore e collaboratore de La Voce del Canavese nell'alto Canavese

Leggi anche

IVREA. Scandalo natalizio. Il contributo alla Fondazione raddoppia da 50 a 100 mila euro….

“Specchio specchio delle mie brame chi pagherà le perdite del Carnevale???”. La rispsosta arriverà sotto …

IVREA. Previsioni…. Nel 2020 la Lega potrebbe perdere tre consiglieri e un assessore…

Gli “arrabbiati”. Così li avevamo ribattezzati. “Arrabbiati” per una maggioranza che non li rappresentava e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *