Home / BLOG / CASTELLAMONTE. Cinzia Pagliero e Mario Furlanetto sono Bela Pignatera e Primo Console
I protagonisti del Carnevale (foto Marino)

CASTELLAMONTE. Cinzia Pagliero e Mario Furlanetto sono Bela Pignatera e Primo Console

Ed eccoli la Bela Pignatera ed il Primo Console del Carnevale castellamontese 2019: si tratta di Cinzia Pagliero e Mario Furlanetto. Sono stati presentati sabato 23 febbraio, nel suggestivo scenario della Rotonda Antonelliana, dopo il “Corteggio Storico” per le vie della città e dopo che dame, terzieri e clavario, i cui nomi erano già stati resi noti la settimana precedente, avevano ricevuto l’investitura ufficiale da parte del Cerimoniere. Furlanetto, contitolare di una ditta di stampaggio di Ozegna, e la moglie Cinzia erano già stati protagonisti qualche anno fa di un altro Carnevale: quello dei “Gavasun” di Ozegna.
La serata aveva avuto inizio un po’ in sordina: alla partenza del corteo non tutti i gruppi ospiti erano presenti e la maggior parte degli spettatori è arrivata più tardi. Nella Rotonda, dov’erano stati allestiti il palco d’onore ed il “castello”, il presentatore in abiti d’epoca, con barba e capelli lunghi, ha ricordato come questa sia la 67° edizione del Carnevale di Castellamonte “che lo Statuto definisce <antico> e che è l’unico Carnevale medievale dell’Alto Canavese”. Sbandieratori e musici del Gruppo Città di Grugliasco, numerosi e molto bravi, sono stati i primi ad arrivare e ad offrire “solo un piccolo assaggio di quanto gusterete più tardi”. Accolti dal Cerimoniere Onofrio Amore, hanno sfilato i gruppi cittadini, a cominciare dal “Contado di Castellamonte” che raggruppa quattro dei sette rioni: Castello (caratterizzato dai colori giallo e blu), Pracarione (verde e giallo), Torrazza (rosso e verde), Borgo Nuovo (bianco e rosso). Poi il Rione Maglio (colori blu ed arancione). Non erano invece presenti, se non grazie alle rispettive Dame, i rioni San Pietro (colori giallo e verde) e Fontana (azzurro e bianco). Numerosi i gruppi di altre località, intervenuti con una rappresentanza: quello del Torneo di Maggio cuorgnatese (l’unico non strettamente legato al Carnevale, giacché celebra l’epopea di Re Arduino e della Regina Berta appunto nel mese di maggio); quindi “I Gavasun” di Ozegna; l’Ordine del Conte Verde di Banchette; Filippo di Agliè con la Contessa Caterina; la Bela Tulera e l’Abba’ dal prestigioso Carnevale di Chivasso; i Principini di Salassa nei loro costumi di velluto blu bordati di pelliccia bianca e con un seguito di piccoli cortigiani; il Generale e la Bela Castagnera di Muriaglio; il Gruppo Storico dei Conti di Valperga; la Bela Cusatera ed il Gran Giardiniere di Brandizzo. I figuranti dell’Accademia Scrima di Torino hanno dato vita ad una simulazione degli scontri tra i popolani affamati e gli armigeri implacabili che li respingono a colpi di spada, provocando morti e feriti da entrambe le parti. A seguire l’incendio del castello, simulato con un denso fumo rosseggiante.
A questo punto, dispostisi i rappresentanti dei vari gruppi ai lati del palco, il presentatore ha raccontato come e quando venne istituito il “Supremo Ordine Bela Pignatera e Consoli”, elencando le coppie delle passate edizioni presenti in questa serata. Pignatera e Console del 2018, ovvero Simona Bove e Dionigi Bartoli, sono stati quindi accolti solennemente nel Supremo Ordine con la consegna del mantello e della fascia da parte dei loro predecessori. Dopo il saluto di Raffaele Ionzano, presidente della Pro Loco che organizza il Carnevale, ecco arrivato il momento dell’Investitura per le sette Dame, vivandiere dei rispettivi rioni: uscite una ad una dal castello, si sono inginocchiate davanti al cerimoniere per la solenne cerimonia, ricalcata su quella dei cavalieri medievali. Questi i loro nomi: Giulia Ferrari per Torrazza, Alice Fragale (Fontana), Marissa Medaglia (Maglio), Alice Bellino (San Pietro), Milena Peretto (Castello), Agata Giove (Borgo Nuovo), Amelia Petrisol (Pracarano). Cerimonia analoga per i due Terzieri, Jacopo Giovannini e Patrick Scarabello e per il Clavario Alberto Tazio.
E’ solo a questo punto che si sono spente le luci e sono entrati in scena i protagonisti del Carnevale 2019: il Primo Console Mario Furlanetto e la Bela Pignatera Cinzia Pagliero. Accolta dal suono delle chiarine e dal rullo dei tamburi, la Contessa Isabella –alias Bela Pignatera ha fatto la sua scenografica comparsa dall’alto delle mura del castello, prima di ridiscendere tra i comuni mortali per ricevere l’investitura insieme al console.
A completare in modo eccellente la serata sono stati due spettacoli davvero riusciti, molto diversi tra loro ma caratterizzati entrambi da grande abilità nelle esibizioni e grande resa scenografica, con esercizi complessi eseguiti ora singolarmente, ora in copia, ora in gruppo. Dapprima gli sbandieratori del Gruppo di Grugliasco, poi lo “Spettacolo del Fuoco” preparato dal “Contado di Castellamonte” e conclusosi con un duello di spade infuocate e con un “exploit” finale che faceva venire in mente i migliori giochi pirotecnici. E’ in questo finale di serata in effetti che si sono sentiti gli applausi più calorosi e più numerosi sebbene il numero dei presenti si fosse nettamente ridotto, un po’ per la stanchezza di rimanere in piedi, un po’ per il freddo: fin verso le 22,30 il clima era stato abbastanza mite per la stagione ma nell’ora successiva le cose erano cambiate. I figuranti avranno apprezzato il rinfresco cui erano invitati, al caldo del Centro Congressi “Martinetti”!
Numerosi , alla fine di questa settimana e fino al mercoledì delle Ceneri, gli appuntamenti previsti.

Commenti

Blogger: Caterina Ceresa

Caterina Ceresa
Autore e collaboratore de La Voce del Canavese nell'alto Canavese

Leggi anche

IVREA. Riunione “fuffa” a Torino sul bando per l’autostrada

Una riunione convocata, mercoledì scorso, in fretta e furia in città Metropolitana a Torino per …

IVREA. Vita da “garante dei detenuti”. Carcere: il racconto di Paola.

“La prima notte è la più dura. E quando senti sbattere il cancello, capisci che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *