Home / Piemonte / Alessandria / CASALE MONFERRATO. Festeggiano compleanno pestando uomo, per un rimprovero
L'ospedale Santo Spirito Casale

CASALE MONFERRATO. Festeggiano compleanno pestando uomo, per un rimprovero

Un pestaggio in piena regola. Per festeggiare un compleanno e vendicare un rimprovero. E’ successo a Casale Monferrato (Alessandria), dove un negoziante di 41 anni è finito in ospedale, ai primi di agosto, dopo essere stato selvaggiamente preso a calci e pugni da una baby gang. Gli aggressori si erano accaniti su di lui anche quando, sfinito, era caduto in terra, e avevano smesso di infierire solo nel momento in cui si erano intromessi altri ragazzi. Gli investigatori della Questura di Alessandria hanno identificato il quartetto e hanno formalizzato una denuncia al tribunale per i minorenni. Tre sono italiani: due gemelli di 16 anni e un diciassettenne; l’ultimo, sedicenne pure lui, è albanese. Non si trattò di una rapina. Il negoziante, piuttosto conosciuto in città, qualche tempo prima, mentre usciva dal lavoro, aveva rimproverato i ragazzi per il modo in cui si comportavano davanti a un locale; proprio la notte del pestaggio, peraltro, i gemelli stavano festeggiando il loro sedicesimo compleanno. A quanto pare il tutto è durato poco più di due minuti. Il quarantunenne stava rincasando quando, in piazza Martiri della Libertà, è stato aggredito da uno dei giovani. L’uomo ha reagito e, a quel punto, sono arrivati gli amici. A mettere fine all’ondata di violenza sono stati altri ragazzi, che hanno anche chiamato le forze dell’ordine. Con un’ambulanza del 118 il commerciante è stato portato all’ospedale Santo Spirito, dove gli sono state riscontrati un trauma cranico con ferita all’arcata sopraccigliare e un trauma toracico con fratture costali; è stato ricoverato per una settimana. Le lesioni sono state giudicate guaribili in 30 giorni. Nel frattempo la polizia si è messa al lavoro. Già la notte stessa, verso l’1:45, gli investigatori erano risaliti con ragionevole certezza ai due gemelli. Poi è stata la volta degli altri. L’analisi dei video delle telecamere di circuito comunale di sorveglianza e di alcuni negozi privati ha permesso di ricostruire l’accaduto. Il quarantunenne, infine, ha riconosciuto i quattro in un album fotografico preparato mescolando le loro immagini a quelle di altri giovani compatibili per età e caratteristiche fisiche. Ha anche indicato nel diciassettenne l’aggressore più violento di tutti.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Lanzo – Cassa integrazione, sì fino a 18 settimane, ma restano non poche incertezze interpretative

La ripartenza del sistema economico dopo il lungo lockdown stenta a decollare, soprattutto nelle aree …

SETTIMO T.SE. Prelievo Fidas per giovedì 4 giugno solo con prenotazione

La sezione Fidas donatori sangue ha fissato per giovedì 4 giugno una raccolta di sangue …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *