Home / BLOG / CASALBORGONE. La sinistra al caviale

CASALBORGONE. La sinistra al caviale

Domenica pomeriggio l’associazione culturale casalborgonese “La Gallina” e il gruppo ASSEFA di Torino organizzano nel Teatro San Carlo un concerto di solidarietà con i villaggi dell’India privi di acqua pulita. Gli organizzatori raccolgono fondi per la realizzazione di un impianto di acqua potabile per gli abitanti di un villaggio indiano. Il costo dell’impianto è di 3.500 euro.

Benissimo. La solidarietà è un grande valore. Ma esistono ancora in Italia cittadini che possono tirare fuori dalle tasche un contributo per un villaggio indiano? L’Italia è un paese impoverito. La povertà ormai è qui, non solo in India.

L’invito al concerto è diffuso da “Casalborgone Informa. Il blog degli amministratori comunali”. Gli amministratori ci informano che i villaggi indiani soffrono della “mancanza di accesso all’acqua pulita per scopi alimentari”. Però nei nostri “villaggi”, quelli italiani, molta gente soffre della “mancanza” dei soldi per pagare le bollette dell’acqua potabile, e degli altri servizi. Il Terzo Mondo è qui, non solo in India. Chissà se gli amministratori comunali e i soci de “La Gallina” e di ASSEFA se ne accorgono?

ASSEFA TORINO, e il Centro Sereno Regis di Torino al quale ASSEFA fa riferimento, svolgono da decenni un ammirevole lavoro di informazione e di volontariato internazionale. Da decenni. Forse da troppi. Hanno cominciato quando l’Italia era un paese ricco, o si riteneva tale. Anni Sessanta e Settanta e ancora gli Ottanta. L’Italia era una delle prime potenze industriali del mondo, o almeno così ci raccontavano, insieme agli Stati Uniti, il Giappone e pochi altri paesi europei. Il resto del pianeta era lo sterminato “Terzo Mondo” dei poveri e degli affamati. Bisognava aiutarli. Era giusto aiutarli. E nelle nostre tasche gli spiccioli per aiutarli c’erano ancora: erano tempi in cui potevamo privarci di qualcosa di superfluo e vivere bene lo stesso. E guardare con fiducia al futuro.

Ma quell’Italia non c’è più. Gli spiccioli per il “Terzo mondo” non ci sono più, perché il Terzo mondo è qui, e l’India sta diventando la quinta potenza economica mondiale . A Torino in via Garibaldi, nella confortevole sede del Centro Sereno Regis, finanziato dalla Regione, dalla Fondazione CRT e dalla Compagnia San Paolo, forse non se ne sono ancora accorti. 

Chi se n’è accorto, come Emergency di Gino Strada, dopo Afghanistan, Repubblica Centroafricana, Sierra Leone, Sudan, ecc. ecc. ha  cominciato ad aprire ambulatori medici anche in Italia.

La sinistra al caviale non se ne accorge, e “Casalborgone informa” ci invita a raccogliere soldi per l’India. 

Commenti

Blogger: Piero Meaglia

Piero Meaglia
Rosso relativo

Leggi anche

COASSOLO. Un carnevale coi fiocchi!

Sabato 22 febbraio come di consueto si sono svolti nell’oratorio di San Pietro di Coassolo …

IVREA. Ivrea: festival di architettura dedicato a Olivetti

Il festival di architettura dedicato a Olivetti. L’amministrazione comunale di Ivrea intende dedicare ad Adriano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *