Home / Torino e Provincia / Carignano / CARIGNANO. Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso presentato da De Vizia Transfer
giustizia

CARIGNANO. Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso presentato da De Vizia Transfer

 Il Consiglio di Stato si è espresso nuovamente sul caso dell’appalto per la gestione rifiuti del Covar 14. Questa volta per il ricorso presentato da De Vizia Transfer SpA contro la sentenza del Tar di fine luglio.

«Considerato che – avuto riguardo alla generale rilevanza della omissione dichiarativa, riguardata alla luce dei doveri di diligenza e completezza informativa gravanti sugli operatori economici professionali – l’appello non presenta prima facie elementi di fondatezza; ritenuto che, sotto il concorrente profilo del periculum, la natura e la prospettica durata dell’appalto per cui è causa appaiono tali da legittimare la prospettica ed eventuale praticabilità del subentro; ritenuto che le spese della presente fase processuale possano essere compensate; il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (sezione Quinta) respinge l’istanza cautelare». Così si sono espressi i magistrati giovedì 10 ottobre.

«I giudici ci hanno dato ragione una volta di più in questo ennesimo passaggio – il quarto – nelle aule di tribunale che, francamente, poteva essere evitato, tanto era scontato il suo esito – afferma il d.g. di Teknoservice, Alberto Garbarini – Non c’erano già dubbi prima, né ce ne possono essere adesso: la gestione del servizio di igiene urbana nell’area del consorzio Covar 14 non può andare al raggruppamento di imprese di cui fa parte la De Vizia Transfer e di conseguenza non può che essere affidato al secondo soggetto che ha partecipato alla gara d’appalto, cioè alla nostra azienda. Ci pare che questo caso sia stato trascinato oltre ogni limite e che adesso sia venuto il momento di decidere, nell’interesse prima di tutto dei cittadini, evitando possibili disagi nella raccolta rifiuti. Senza considerare il fatto che con un’eventuale affidamento del servizio a Teknoservice i Comuni potrebbero godere di un sensibile risparmio. Siamo comunque fiduciosi sul buon esito della vicenda e attendiamo comunicazioni dal commissario incaricato di gestire il Covar 14 come da dispositivo del Tar».

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. E’ giunta l’ora delle azioni concrete

Abbiamo già scritto più volte di come un certo modo di interpretare la politica tenda …

IVREA. Il bando di arruolamento degli ufficiali è nullo e illegittimo…!

La denuncia inviata al sindaco Stefano Sertoli, al notaio Pierluigi Cignetti  (che è anche Gran …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *